Reggina, il presidente Gallo estasiato dalla bellezza dei Bronzi di Riace

Durante il suo soggiorno a Reggio Calabria, il patron amaranto ha visitato il Museo Nazionale, rimanendo colpito dalle due statue

Reggina

Il giorno dopo il rotondo successo della Reggina, per 3-1 contro la Viterbese, il neo presidente degli amaranto, Luca Gallo, ha proseguito la sua visita della città di Reggio Calabria. Dopo l’incontro con l’arcivescovo della diocesi di Reggio-Bova, Mons. Giuseppe Fiorini Morosini, e la visita alla sede dell’associazione di volontariato Agape, il presidente Gallo si è recato al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria che ospita i Bronzi di Riace. Qui è rimasto estasiato dalla bellezza delle statue, fiore all’occhiello artistico della città, e non ha escluso che, in futuro, si possano organizzare delle iniziative che coinvolgano l’opera.

Storia dei Bronzi
Le due figure che rappresentano un oplita e un re guerriero, risalgono al V secolo avanti Cristo e vennero ritrovate nel mar Ionio, a largo della costa di Riace, il 16 agosto 1972. Custoditi al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria (conosciuto anche come Museo delle Magna Grecia), furono spostati per un periodo a Palazzo Campanella, sede del consiglio della Regione Calabria, durante i lavori di ristrutturazione del museo. Vennero riportati nella struttura che attualmente li ospita il 12 dicembre 2013.

Reggina

Annunci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × 4 =