Reggina, nelle ultime tre giornate meglio delle altre capoliste. E il pubblico…

Alzi la mano chi avrebbe immaginato una Reggina a quota 60 punti dopo 27 gare di campionato. Adesso alzi la mano chi avrebbe ipotizzato una Reggina a +6 a questo punto della stagione. Benissimo, neanche il più inguaribile degli ottimisti si sarebbe sognato di vivere una stagione così entusiasmante, men che meno in un girone definito alla vigilia una vera e propria B2. Oggi, 26 gare dopo e alla vigilia di una gara importante come quella con la Paganese, possiamo gridarlo a voce alta: la Reggina sta disputando un campionato ben al di sopra della media.

MEGLIO DI VICENZA E MONZA

Benché le prestazioni sembrino non evidenziare la stessa brillantezza della Reggina versione 2019, i numeri raccontano un’altra storia. Sette punti nelle ultime tre partite sono un bottino che poche squadre possono vantare giunti a questo punto nella stagione. Tanto quanti quelli di Bari e Monopoli, le più immediate inseguitrici. Meglio addirittura di Vicenza (3 punti) e Monza (4), con la differenza che la squadra lombarda può vantare un +17 sul Renate, secondo della classe.

E’ IL MOMENTO DI SPINGERE

Le prossime tre gare possono dire molto in ottica finale di stagione. Se la Reggina dovesse riuscire a conservare, o addirittura allungare, sulle avversarie la strada sarebbe decisamente in discesa. Intanto però c’è la Paganese e l’apporto del pubblico può davvero spostare gli equilibri. Per rinfrescarsi la memoria basta guardare le gare con Catanzaro, Bari e Ternana. La Reggina, in quel caso, giocava davvero in dodici!