Reggina, tre appuntamenti: uno più importante dell’altro

Marzo è un mese cruciale: le partite si giocano in campo e nell’aula della Corte Federale d’Appello. Il dg Iiriti: «C'è fiducia»

reggina

La Reggina è tornata a far girare le gambe dentro il quartier generale del Sant’Agata, agli ordini di Massimo Drago. Il calendario dice che domenica non si gioca, ma alla fine del mese ci saranno tre appuntamenti importantissimi e ravvicinati, uno a Reggio e due nel Lazio: il 24 marzo, infatti, andrà in scena il big match contro il Catania (ore 14.30 al Granillo); il 28 marzo la Corte Federale d’Appello esaminerà i ricorsi presentati dal club, che punta ad ottenere uno sconto sui punti penalizzazione comminati per gli inadempimenti della gestione Praticò (ore 14 a Roma); il 31 marzo, infine, Bellomo e soci giocheranno in trasferta, allo stadio Centro d’Italia, la tana del Rieti (ore 14.30). La missione? Identica per ogni singolo appuntamento. Muovere la classifica verso l’alto.  

Il precedente
Anche un punto può essere decisivo. Lo dice la storia recente della Reggina. L’ultima volta che la giustizia sportiva ridusse la penalizzazione il club amaranto centrò una salvezza in extremis. Correva l’anno 2015. A maggio, i 2 punti restituiti permisero alla squadra di lasciare l’ultimo posto ai danni del Savoia e quindi di giocare e vincere i play out contro il Messina (doppio 1-0 con le reti di Insigne jr all’andata e Balistreri al ritorno). Sul campo andò così, anche se i mesi successivi non furono semplici da digerire. La Reggina del presidente Luca Gallo – estranea agli errori gestionali dell’era Praticò – conta di festeggiare nelle aule del tribunale perché si è affidata ai migliori professionisti del settore. «Siamo fiduciosi e ottimisti – ha detto il direttore generale Vincenzo Iiriti attraverso il sito ufficiale della Reggina –. Abbiamo messo in campo tutti i mezzi possibili per ottenere una riduzione delle penalizzazioni, continuiamo ad operare per il bene della squadra e della città di Reggio Calabria».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 − uno =