Reggina, viva morta o X. Cevoli: «Niente calcoli con il Monopoli»

L’allenatore della Reggina: «Il Granillo sarà un'arma in più. Due risultati su tre? E’ un vantaggio che ci siamo guadagnati sul campo» 

reggina

Viva morta o X. Dove X fa riva con viva alla luce del regolamento dei play off di Serie C. Ormai ci siamo: domani alle 19.30 va in scena Reggina-Monopoli. Bellomo e soci hanno due risultati su tre a disposizione per passare al secondo turno e potranno contare su una cornice di pubblico mostruosa: l’ultimo dato ufficiale dice che sono stati staccati più di 13 mila biglietti. Traduzione: il Granillo sarà un inferno amaranto.

Parla Cevoli
Alla vigilia della partita ha parlato Roberto Cevoli in conferenza stampa. L’allenatore della Reggina ha detto tre cose molto interessanti. Uno: «Noi abbiamo trovato degli equilibri. E non faremo una partita difensiva, cercheremo il gol per indirizzare la contesa in un certo modo». Due: «Il pubblico di Reggio sarà un’arma in più». Tre: «C’è grande entusiasmo in città. Anche in centro si respira un’aria diversa. Questo grazie al presidente Luca Gallo che ha tirato fuori quello che ha sempre avuto dentro il tifoso della Reggina. E grazie anche a questi ragazzi che si sono meritati questo momento. Ho detto loro di essere sereni perché si lavora tutto l’anno per giocare una partita del genere. Se la sono guadagnata. La serenità, adesso, può fare la differenza…».

Sul Monopoli
«Il Monopoli è una squadra solida, che gioca bene, con elementi richiesti da tante squadre in sede di mercato. Perché può contare su giocatori con esperienza, qualità e fisicità. Le insidie non mancheranno. Dovremo essere bravi a portare gli episodi dalla nostra parte. Capite che bene che in una gara secca gli episodi faranno la differenza».

Sull’undici titolare
Cevoli non si scopre: non svela l’undici di partenza della Reggina. Anche se non sarà molto diverso dalle ultime uscite. Del resto, squadra che vince non si cambia. L’allenatore ha convocato tutti, anche l’infortunato Franchini e i fuori lista Licastro e Maritato. «Abbiamo provato più cose in settimana – continua il tecnico – Deciderò domani con il mio staff. Baclet arma da usare in corsa? E’ voglioso e determinato, ha risolto anche qualche piccolo problemino fisico. E’ una carta da giocare. Ultimamente ha dimostrato che vuole essere decisivo come gli altri giocatori. Ho più scelte in tutti i ruoli, ma deciderò domani».

Niente calcoli
«La settimana l’abbiamo trascorsa sereni e tranquilli, come sempre. I ragazzi hanno lavorato con grande dedizione, attenzione ed entusiasmo. E non poteva essere diversamente, l’aria che si respira in città la conoscete meglio di me. Non vediamo l’ora di arrivare alle 19.30 di domenica. I ragazzi sono consapevoli delle loro possibilità, allo stesso tempo sanno che sarà una partita molto difficile, che riserverà sicuramente delle trappole. Cercheremo di fare il meglio che possiamo. Due risultati su tre? E’ un vantaggio che ci siamo guadagnati sul campo, dovremo essere bravi a gestirlo bene. Ma può essere anche un’arma a doppio taglio. Quindi, non dobbiamo fare calcoli, dobbiamo fare la partita per vincere sapendo che anche il pareggio significa passare il turno».   

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × 2 =