Saldi, in campo oltre 2.000 personal shopper  

Quali sono i capi evergreen che non possono mancare in un guardaroba? E le tendenze di stagione? Come evitare di farsi accecare da irresistibili offerte, ma per capi che rischierebbero di restare sul fondo dell’armadio una volta acquistati, perché non in linea con il proprio look? I personal shopper possono aiutarci a rispondere a queste domande e, con l’arrivo dei saldi, ufficialmente in partenza dal 6 luglio, molti italiani scelgono di avvalersi della loro consulenza, per ottimizzare questa esperienza di shopping scontato. 

Secondo le analisi effettuate dall’Osservatorio di ProntoPro.it, il portale numero uno in Italia che mette in contatto domanda e offerta di servizi professionali e artigianali, nell’ultimo anno il numero di personal shopper iscritti al sito è duplicato, più di 2.000 professionisti offrono infatti la propria consulenza in fatto di stile. Quali sono i costi? Per una consulenza di due ore si spendono circa 150 euro, mentre per un percorso di restyling completo del proprio look, si spenderanno in media 1.200 euro per una sessione completa composta da 12 incontri.  

“Esistono anche – spiega Simona Santomauro, una delle personal shopper e consulenti di stile più attive e recensite su ProntoPro.it – delle soluzioni alternative nel periodo dei saldi: io propongo ad esempio tour collettivi per dare modo a più persone di utilizzare i miei servizi a un prezzo inferiore”. Simona opera sulla città di Milano, la più attiva per numero di personal shopper, seguita da Roma e, con un po’ di distacco, Torino, Napoli e Firenze.  

“I marchi made in Italy – racconta Simona – di fascia media propongono in questo periodo dei buoni sconti, permettendoci di accedere a un prodotto di qualità, con un prezzo interessante ma attenzione, i saldi non sono sempre convenienti. Spesso e volentieri i negozi scontano capi o accessori di stagioni passate mettendoli in vendita agli stessi prezzi dei prodotti della stagione corrente, consiglio un giro d’ispezione preventivo, soprattutto nelle piccole boutique”. 

La consulente di stile di ProntoPro.it consiglia di non comprare tutto ciò che si vede e che ci pare un buon affare perché spesso con i saldi non si possono effettuare cambi: “Provate sempre i capi prima di acquistarli e programmate il vostro budget di spesa. Durante i saldi è bene concentrarsi su quei capi che sono indispensabili per il nostro guardaroba, quelli che ci mancano o che usiamo di più, e che soprattutto non passano mai di moda”. 

“Costume intero – avverte – abiti all’uncinetto e borse di paglia, ma anche mini top, sandali a listini ed espadrillas con zeppa sono i must di stagione, tubino nero, trench, camicia bianca, un jeans di qualità, blazer, top in seta, maglione in cashmere e décolletè sono invece gli evergreen che non possono mancare nel proprio guardaroba. Aggiungiamo una it-bag e una donna può arrivare ovunque”.  

(Fonte: Adnkronos Labitalia)

Annunci