Salvini: ‘Calcio riparta entro giugno o sarebbe un disastro’

Il calcio non è solo uno sport. Ci tiene a chiamarlo Matteo Salvini nell’ambito della sua partecipazione a La politica nel pallone su Gr Parlamento.

Al di là di campioni miliardari che si rincorrono su un campo in erba, c’è un substrato di atleti e di professionalità che svolgono il loro lavoro a condizioni sensibilmente diverse. Adesso c’è il rischio che tutto possa sgretolarsi. Il pallone tiene in piedi tante altre cose, tra l’altro.

Lo ricorda Salvini: “”Se muore il calcio, di rimando si fermano tutti gli altri sport. Chi è al governo sappia che sono in ballo migliaia di posti di lavoro”.

“Non penso a domani. Per la riapertura, mi auguro – ha detto -entro giugno. Se non si apre entro quella data, ci sarebbe un disastro, un altro miliardo di aiuti”.