Salvini: “Gran Bretagna fuori da Ue, ma vaccinano due mesi prima di noi”

“In Gran Bretagna cominciano a vaccinare dalla prossima settimana, si diceva che l’uscita dall’Europa dell’Inghilterra avrebbe portato alla rovina, ma partono due mesi prima di noi a vaccinare”. Così Matteo Salvini, intervenendo in Aula, in Senato, dopo le comunicazioni del ministro della Salute, Roberto Speranza. “In Turchia – aggiunge – partono la settimana prossima, con il vaccino che arriva dalla Cina, e questo è il massimo, con il paese che prima contagia e poi guarisce” “Tutto in mano a superman Arcuri. Gli è stata affidata la gestione delle mascherine dell’ossigeno, pessimo, le scuole, pessimo, l’app Immuni, pessimo, continua Salvini, che aggiunge ironico: “Ora, visto che ha avuto successo su tutto, gli si concede pure la gestione dei vaccini”. “Io – avverte – non lascio in mano ad Arcuri la salute dei miei figli”.

E ancora: “Smettete di chiamare eroi, medici e infermieri, se non gli concedete neanche un euro di premio sullo stipendio. E’ una presa in giro”. E sulle norme previste dal nuovo Dpcm, Salvini aggiunge: “Nessuno pensa all’urgenza di andare a trovare il fidanzatino o l’amante, dall’altra parte dell’Italia, ma siccome pare che avete deciso di chiudere per Natale, almeno ricordatevi dei milioni di genitori separati e divorziati, dei loro figli, dei bambini che hanno diritto di stare almeno a Natale con i genitori”. “Non stiamo parlando di qualche viziato che vuole andare a divertirsi sulle montagne”, sottolinea il leader della Lega.

Salvini quindi spera “di parlare con il ministro dei problemi dei malati non-covid, ci sono liste di attesa spaventose, ci sono i malati oncologici che qualcuno ritiene italiani di serie B”.