Salvini insiste: “Rifiuti? Troveremo intesa”  

Matteo Salvini non molla e tiene il punto sulla questione rifiuti in Campania. “Nel contratto di Governo – sottolinea il ministro e vicepremier – è vero che c’è il superamento dei termovalorizzatori ma intanto siamo nel 2018 e sono sicuro che come abbiamo fatto in questi mesi con Luigi Di Maio troveremo un’intesa per il bene del Paese”.  

Salvini è conscio del fatto che l’obiettivo sia “bruciare sempre meno e andare sempre meno in discarica; e differenziare sempre di più”, ma “intanto siccome siamo al governo per risolvere i problemi e a Napoli e in Campania pagano la tassa rifiuti come in tutta Italia, è giusto dare a loro questa possibilità, che hanno tutte le altre regioni italiane. Ormai c’è un sistema di termovalorizzatori sicuri, che all’estero hanno piste da sci e musei”. Quindi, “la morte e la malattia derivano da una mancata gestione e valorizzazione dei rifiuti”. 

E sulla gestione dei rifiuti in Campania oggi interviene duramente Vincenzo De Luca, Governatore della regione: “E’ intollerabile – spiega – l’atteggiamento padronale e ottusamente burocratico di chi pensa di rapportarsi a istituzioni che hanno pari dignità costituzionale adottando comportamenti e linguaggi propri di chi si rivolge al proprio maggiordomo. Le riserve di pazienza si sono francamente esaurite”.  

“Avremo modo di spiegarlo agli esponenti di Governo che arriveranno a Caserta”, assicura De Luca in vista della firma del protocollo d’intesa per la Terra dei Fuochi previsto domani in Prefettura a Caserta alla presenza del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, dei vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini, e dei ministri dell’Ambiente, Sergio Costa, della Giustizia, Alfonso Bonafede, della Difesa, Elisabetta Trenta, e per il Sud Barbara Lezzi. 

“Avremo modo – aggiunge De Luca – di domandare loro se si sono accorti che nel Nord e in Centro Italia ci sono cento Terre dei fuochi e cento roghi di capannoni pieni di rifiuti che non suscitano nessuna attenzione e nessuna campagna mediatica. Spiegheremo anche che non abbiamo preclusioni ideologiche nei confronti di impianti che siano efficienti; che non abbiamo nessuna propensione ad assecondare atteggiamenti ideologici e di finto ambientalismo. Abbiamo solo interesse ad adottare soluzioni praticabili nell’ambito delle normative europee. Spiegheremo anche a chi ha parlato a vanvera in questi giorni – conclude De Luca – il lavoro immane che è in corso nella nostra regione per affrontare in maniera civile e concludente un problema di estrema complessità, per il quale tutto serve, meno che la demagogia eterna”. 

 

(Fonte: Adnkronos)