Salvini: “Stop al coprifuoco o modello Madrid”

Per Matteo Salvini sulle riaperture bisogna correre. “Mi auguro che non si parli più di coprifuoco tra qualche giorno”, insiste il segretario leghista. “Ci vuole coraggio, visione, bisogna scommettere sull’Italia e sugli italiani che hanno mostrato enorme buon senso e meritano di avere fiducia”.13

“Se il piano vaccinale corre come sta correndo, se il contagio scende come sta scendendo, io credo che sia giusto riconoscere il diritto alla vita e il diritto al lavoro a milioni di italiani senza inutili discriminazioni. La Lega porterà al tavolo della maggioranza in Consiglio dei ministri la richiesta di cancellare il coprifuoco e di estendere con tutti i protocolli di sicurezza il calendario delle riaperture”, ribadisce.

Salvini lascia intravedere la possibilità di un compromesso con i più ‘rigoristi’ nel governo, citando l’esempio della capitale spagnola di coprifuoco alle 23.
“Nella vicina moderna e rispettosa Madrid i locali sono aperti da tempo e la gente può uscire di casa perfino alle 10 e un quarto della sera: pensate che azzardo. Non arrivo a Israele dove sono tutti in giro, vaccinati a senza mascherina”, dice. “Il modello Madrid prevede le 23. E’ chiaro che nella mia idea di Paese la libertà di movimento è quella che non conosce limiti di orario se non la responsabilità del singolo. Io mi fido degli italiani. Chi invece vuole tenere gli italiani chiusi in casa per altre settimane o mesi vuol dire che non si fida del popolo che gli paga lo stipendio”.

Presentando il piano delle Lega contro le ecomafie e il randagismo, il segretario leghista poi bacchetta nuovamente l’Unione europea e l’Ema per i ritardi sul parere al vaccino russo Sputnik. “La Grecia ha inserito il vaccino russo per attrarre turisti. A Bruxelles dormono. E’ dai primi di marzo che stanno esaminando questo benedetto vaccino russo.  Non so se stiano aspettando il mago Otelma o chi altro per dare un responso. Se si danno una mossa ci fanno un favore”.