Sanremo, il monologo di Benigni divide. Bufera sui social: ‘Noioso, 300.000 euro per una replica’ (VIDEO)

Roberto Benigni è un patrimonio artistico dell’Italia. Tuttavia, non sempre le sue esibizioni sono particolarmente apprezzate. Il suo monologo di Sanremo era già finito nel mirino dei contestatori, perché si presupponeva che 300.000 euro (quelli che si mormora abbia percepito) potessero essere assai per meno di un’ora di apparizione.

Il giorno dopo rappresenta il giorno in cui si prova a capire che tipo di effetti abbia sortito la sua esibizione. In questi casi il metro è rappresentato dai social.  Non tutti hanno apprezzato.

Alcuni tweet su Benigni

“Benigni – scrive qualcuno su Twitter – è un patrimonio, è memoria, è cultura, arte e bellezza. E’ quel che di bello l’Italia rappresenta nel mondo’.

“Spegnetelo ragazzi. Questo – sottolineano altri –   pontificare è noioso quasi quanto i tifosi quando litigano sull’utilità o meno di un giocatore”.

“Non è Benigni – rincarano altri – che è diventato noioso. Siamo noi che siamo diventati gente da Tik Tok”.

“Con i soldi – evidenzia qualche altro utente –  che hanno dato a Benigni, Alberto Angela ci faceva dieci puntate di un suo programma. Se proprio vogliamo parlare di cultura, eh!”.

Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia, è stato particolarmente duro.

 

La stampa sul suo canale Youtube ha provato a raccogliere alcuni tweet significativi. Ecco la raccolta: