Scatto Borse dopo midterm 

Le Borse europee accelerano, dopo una partenza intonata al rialzo, con Milano che segna la miglior performance. Chiusura debole per Tokyo (Nikkei -0,28%), bisognerà attendere ancora, invece, per sapere come reagirà Wall Street – chiusura in progresso ieri per gli indici Dow Jones +0,68% e Nasdaq +0,64% – alle elezioni di midterm che vedono i democratici in vantaggio alla Camera, mentre al Senato primeggiano i repubblicani. Se l’opposizione potrà recuperare il controllo di parte del Congresso e ‘contrastare’ il presidente Donald Trump, l”onda blu’ non è arrivata.  

A circa 30 minuti dall’inizio delle contrattazioni l’indice Ftse Mib guadagna l’1,32% a quota 19.520 in una giornata densa di trimestrali; lo spread tra Btp e Bund flette a 291 punti base con un rendimento del 3,34%. In progresso Londra +1,06%, Parigi +1,11% e Francoforte +0,97%.  

A Piazza Affari brinda Campari +3,66%; acquisti anche su Pirelli +2,23% e Brembo +2,18%. Bene Intesa Sanpaolo a 2,044 euro (+2,12%), all’indomani dei conti; ben intonati al rialzo anche Fca e Banco Bpm. Snam guadagna l’1,15% dopo la presentazione del nuovo piano strategico 2018-2022 e aver rivisto al rialzo tutti i target. Sulla parità Stm, Banca Generali e Banca Mediolanum. Dopo uno sprint iniziale frena Ubi Banca (-0,07%) che archivia i primi 9 mesi con un utile, al netto delle poste non ricorrenti, pari a 260,6 milioni di euro.  

(Fonte: Adnkronos)