“SeaWatch rifiuta porto sicuro offerto da Libia”  

“Inutili sofferenze per gli immigrati a bordo della SeaWatch: da ore – senza motivo – sono fermi in mezzo al Mediterraneo. La SeaWatch ha chiesto a Tripoli un Pos e ha ricevuto risposta positiva”. Lo fanno sapere fonti del Viminale, secondo le quali la nave con a bordo migranti “ha appena modificato la rotta dirigendosi verso la Tunisia anziché verso Sud. Si trova a 69 miglia da Zarzis, a 48 da Tripoli, a 124 da Lampedusa e a 176 da Malta”.”C’è preoccupazione per le persone a bordo – spiegano le stesse fonti – tra cui alcuni bambini che potrebbero sbarcare al più presto come richiesto dalla stessa SeaWatch”. 

Durissimo il ministro dell’Interno Matteo Salvini stamane sulla ong: “La nave illegale, dopo aver imbarcato 52 immigrati in acque libiche, si trova ora a 38 miglia dalle coste libiche, a 125 miglia da Lampedusa, a 78 miglia dalla Tunisia e a 170 miglia da Malta. Le autorità libiche hanno assegnato ufficialmente Tripoli come porto più vicino per lo sbarco. Se la nave illegale Ong disubbidirà, mettendo a rischio la vita degli immigrati, ne risponderà pienamente”. 

 

(Fonte: Adnkronos)