Smartphone, per i non vedenti arriva la tastiera Braille

Il nuovo dispositivo per smartphone si presenta particolarmente semplice sia nell'applicazione al cellulare sia nella possibilità di essere utilizzato in movimento

smartphone

Una tastiera Braille per smartphone, posizionata dietro al telefono, che consente ai non vedenti di digitare messaggi in modo semplice, anche in movimento. A metterla a punto, come tesi di ricerca, Johannes Strelka-Petz, studente di ingegneria di processo dell’università della Tecnologia di Vienna che ha battezzato il dispositivo Oskar (acronimo per Open source key arrangement). Esistono già tastiere Braille per persone con disabilità visive, ma il nuovo dispositivo si presenta come particolarmente semplice sia nell’applicazione allo smartphone sia nella possibilità di essere utilizzata in movimento.

Quando i non vedenti utilizzano un computer, lo fanno attraverso una tastiera Braille basata su un sistema di scrittura tattile. Per gli smartphone questo tipo di tastiera non era ancora disponibile. Al momento, le persone non vedenti o ipovedenti utilizzano infatti comandi vocali e una tastiera virtuale, ma entrambi questi strumenti presentano problemi non trascurabili: ad esempio il controllo vocale manca di privacy, mentre la tastiera virtuale manca di tattilità ed è più lenta di una tastiera fisica.

Come funziona la tastiera per smartphone
Poiché la nuova tastiera Oskar viene montata sul retro dello smartphone, gli utenti devono però abituarsi ad una tastiera invertita: ciò richiede una posizione della mano diversa rispetto a quella che richiederebbe una normale tastiera, ma i tasti sono disposti in modo tale che diversi comandi possano essere attivati utilizzando lo stesso dito. Il dispositivo può assumere le funzioni di tastiera, touchscreen e telecomando e può essere collegato a dispositivi, come uno smartphone o un tablet.

I primi test effettuati hanno dimostrato che l’uso di una tastiera mobile a due mani è molto semplice. I volontari che hanno svolto il test hanno da subito utilizzato la tastiera con successo, senza alcun training preliminare. Dopo poco tempo, con il nuovo dispositivo sono riusciti a scrivere circa venti parole al minuto, velocità paragonabile a quella di una tastiera Braille convenzionale.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here