Social media e privacy: due concetti inconciliabili?

Molti utenti del web hanno iniziato a chiedersi quanto è sicuro internet e quali informazioni rimangono

social

Li usiamo ogni giorno, ognuno di noi ha un profilo almeno su un social o in ogni caso online: ma quanto sono sicuri? È una domanda che si sente fare sempre più spesso, vuoi per gli scandali che hanno colpito i colossi di internet, vuoi per l’uso sempre più improprio che gli utenti fanno di internet, ma molti utenti del web hanno iniziato a chiedersi quanto è sicuro internet e quali informazioni rimangono per sempre sui social? Uno dei punti fondamentali dell’uso di internet infatti è la privacy, la sicurezza dei dati personali degli utenti. E la domanda che tutti si pongono è dove vanno a finire tutte le informazioni una volta che entrano nel mare del web? E soprattutto c’è un modo per proteggere la nostra privacy anche nel mondo virtuale?

Il mare di internet
Come spesso avrete sentito dire quando condividete qualcosa online diventa di dominio pubblico. Ed in parte è vero. Basta una condivisione social e una vostra foto innocua può finire nelle mani sbagliate. Internet infatti è un vasto mare di opportunità ma è anche un luogo in cui niente sparisce davvero. Il consiglio, oltre a leggere bene le impostazioni sulla privacy di ogni servizio utilizzato, è di pensare a ciò che andiamo a condividere. Purtroppo quando carichiamo qualcosa online, nonostante le leggi sul copyright e la privacy, in qualche modo diamo anche il consenso al loro utilizzo e condivisione, non certo un consenso esplicito ma niente può impedire ai dati online di circolare. Ancor più attenzione nel caso di minori che utilizzano servizi online.

I dati personali
Oltre a ciò che scegliamo di condividere spontaneamente, dobbiamo anche pensare ai nostri dati personali. Quasi tutti i servizi online che utilizziamo richiedono una registrazione in cui dobbiamo fornire una serie di dati personali: nome, data di nascita, mail, ecc. Naturalmente possiamo utilizzare nickname e nomi finti, e, se il servizio non è ‘ufficiale’ potete anche attivare una mail che userete solo per questo genere di operazioni, lasciando il vostro account principale alle comunicazioni importanti ed ufficiali.

Password
Naturalmente per proteggere i vostri dati e i vostri account è necessaria una password. Create una password seguendo questi consigli:

  • Più di otto caratteri
  • Combinazione alfanumerica e con simboli casuale
  • Password diverse per i diversi account

Potrete poi salvarle attraverso un manager di password così non dovrete scriverle su foglietti sparsi e allo stesso tempo verranno crittografate.

Chi segue i nostri dati?
Nell’ultimo anno tutti abbiamo iniziato a conoscere i cookie, quei piccoli pezzi di codice invisibile che si attacca ai nostri browser e segue la nostra navigazione a scopo di targetizzazione pubblicitaria. Per evitare che ciò accada potete scegliere di navigare in incognito, in modo che i cookies si cancellino alla fine della sessione. Un’altra soluzione è utilizzare una connessione sicura come le VPN, la quale vi protegge anche da attacchi informatici e intromissioni sulla vostra rete, schermandola completamente e oscurando anche il vostro indirizzo IP.

Anche se controllare le impostazioni, scegliere con cura cosa pubblicare e che servizi online utilizzare, può sembrare una perdita di tempo, in realtà è il modo migliore per proteggere la propria privacy online.