Società, la più grande paura degli italiani? Non è l’immigrazione

L'ultimo sondaggio Eurobarometro dice che i nostri timori sono diversi rispetto a quelli della stragrande maggioranza dei cittadini europei

sociale

Le paure e le ansie fanno parte della vita. Sono…umane. Soprattutto se si ragiona in ottica futura, del domani. L’ultimo sondaggio Eurobarometro dice che le paure degli italiani sono diverse rispetto a quelle della stragrande maggioranza dei cittadini europei. Esatto: è stata stilata una classifica dei timori che più attanagliano l’italiano medio e l’europeo medio. Sono pochi i punti in comune.

In Europa
La più grande paura degli abitanti del vecchio continente è l’immigrazione. Addirittura il 40 per cento degli intervistati ha risposto così. Traduzione: 4 persone su 10. Al secondo posto c’è il terrorismo (in calo, -9 punti percentuali), ma bisogna considerare che il sondaggio (intervistate oltre 32 mila persone) è stato realizzato tra l’8 e il 22 novembre 2018, quindi prima dell’attentato di Strasburgo, dove ha perso la vita Antonio Megalizzi. Rientra sul gradino più basso del podio la preoccupazione dello stato delle finanze pubbliche degli Stati membri. La situazione economica occupa il quarto posto, il cambiamento climatico (+5 punti percentuali) si trova al quinto, mentre la disoccupazione occupa la sesta posizione a livello dell’UE e si assesta al 13 per cento, la frazione più bassa degli ultimi otto anni.

In Italia
Da noi le paure sono quasi ribaltate. In primissima posizione, infatti, c’è proprio la disoccupazione. Sesta in Europa e in vetta in Italia, anche se in leggero calo a livello percentuale. Il secondo posto è strettamente legato al primo: l’aumento dei prezzi/l’inflazione/il costo della vita (21 per cento, +4 punti) si divide la medaglia d’argento con l’immigrazione (21 per cento, stabile). «Si tratta della prima volta dall’autunno 2008 che le preoccupazioni relative al costo della vita occupano una delle prime due posizioni a livello nazionale», ricorda l’indagine europea. Beh, ci sta: la combo di restare senza lavoro e di non riuscire a pagare affitto o bollette è qualcosa più di una paura. Al quarto posto ecco la sanità e la sicurezza sociale, seguite da situazione economica e le pensioni, appena sopra all’ambiente, al clima e alle questioni energetiche (14  per cento, +4), che hanno comunque raggiunto un nuovo picco.  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here