Italiani soddisfatti del Governo. Sondaggi Piepoli: Cresce la fiducia nel premier Conte

manovra
Il premier, Giuseppe Conte (fonte: www.governo.it)

Gli italiani in questa fase dell’ epidemia sono sempre più soddisfatti dell’azione del governo, e in particolare del premier Conte, mentre restano critici con la risposta che l’Europa sta dando alla crisi. Il tema che li attira di più è quello dell’andamento della curva dei contagi e del numero delle vittime, quello che li colpisce di meno è il ricovero di Boris Johnson in ospedale. E’ questo il quadro che emerge dallo studio dell’Istituto Piepoli: “Il BAROMETRO #insiemeoltreilvirus”. Uno studio che ha lo scopo di monitorare, ogni settimana, il sentiment dell’opinione pubblica rispetto all’evoluzione del fenomeno Covid-19.

PIU’ FIDUCIA NEL GOVERNO, TRA I LEADER CONTE IL PIU’ POPOLARE

Cresce di giorno in giorno la fiducia nel governo e il leader più apprezzato è il premier Giuseppe Conte (68%), che supera di un punto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella (67%) al vertice del gradimento degli italiani. A propendere per il Capo dello Stato sono i cittadini che si definiscono di centrosinistra (94%) e quelli di centrodestra (55%). Mentre i primi scelgono Conte per l’82% e i secondi per il 34%. A fare la differenza sono i sostenitori del M5S: l’85% di loro sceglie Conte, il 58% il Capo dello Stato.

Complessivamente, al governo viene dato un gradimento del 66%. Plauso cresciuto progressivamente in 6 giorni, dal 24 al 30 marzo, visto che si partiva dal 38%. Il 76% del campione dà un giudizio positivo sulle azioni messe in campo per fronteggiare l’epidemia nel Paese (nel Nord Ovest riscuote un 72% di consensi, nel Nord Est il 73%, l’80% al Centro, 77% al Sud e nelle Isole), mentre quelle di natura economica anti-crisi ricevono un gradimento del 60% (i più contenti nel Centro Italia, 64%, il 56% nel Nord Ovest, il 57% nel Nord Est, il 59% a Sud e nelle Isole).

Barometro

EUROPA

Sei italiani su 10 vorrebbero un’Europa unita, cioè il 55% (i contrari sono il 34%), ma pochi di loro sono soddisfatti per come la Comunità stia rispondendo ai bisogni dei Paesi più colpiti dal virus. Per il 42% sta facendo ‘poco’, per il 41% ‘nulla’ e solo per il 14% ‘abbastanza’. Per il 64% degli italiani l’emergenza coronavirus comporterà degli effetti negativi per l’Ue, mentre solo per il 15% saranno positivi.