Sondaggio, cosa può spingere i giovani verso l’agricoltura?

I risultati sono contenuti in un'indagine realizzata dall'Istituto Swg che ha evidenziato, tra i motivi principali, il fascino di poter lavorare a contatto con la natura

sondaggio

Tra i lavori del futuro, oltre alle professioni legate alla tecnologia, potrebbe esserci anche un ritorno all’agricoltura. Solo considerando i cosiddetti “hobby farmer” (coloro che si dedicano all’agricoltura per passione o hobby), infatti, in Italia si contano circa 1,2 milioni di agricoltori. E l’agricoltura fa anche parte degli indirizzi di studio professionali riorganizzati in seguito alla riforma delle scuole professionali dopo la legge sulla “Buona scuola”.
Uno dei motivi principali di attrazione che può avere il settore agricolo sulle nuove generazioni sono le nuove opportunità che offre unite al fascino di lavorare a contatto con la natura. È quanto si evince da un sondaggio realizzato dall’Istituto Swg che ha individuato i fattori che possono colpire i giovani.

Trovare lavoro a contatto con la natura
Dall’indagine si evince che il 42 per cento degli intervistati vede nel settore agricolo la possibilità di trovare più facilmente lavoro. Segue con il 34 per cento il poter fare impresa seguendo nuove strade, mentre il 33 per cento considera positivo poter lavorare a contatto con la natura. Inoltre, tra gli altri fattori indicati si trova la possibilità di innovare nella sostenibilità (30 per cento), l’atmosfera in cui si va a vivere (27 per cento) e il poter vedere crescere le cose (16 per cento). Tra le motivazioni meno indicati ci sono gli orari serrati e i ritmi di lavoro della campagna (11 per cento), le persone che lavorano nell’agricoltura (10 per cento) e gli animali (9 per cento).

sondaggio
(Fonte: https://www.swg.it/politicapp)