Sport e disabilità, partnership Mectronic – Federazione Nuoto Paralimpico

Trampolino di lancio di questa collaborazione saranno i Campionati Mondiali di Nuoto Paralimpico, in programma a Londra dal 9 al 15 settembre

104

Rafforzare lo stato di preparazione fisica e atletica dei nuotatori paralimpici con l’ausilio delle più avanzate tecnologie nell’ambito della medicina e fisioterapia. È stato questo l’obiettivo che ha spinto Mectronic, azienda leader nella tecnologia laser al servizio della riabilitazione, a stringere una partnership con la Federazione Italiana Nuoto Paralimpico (FINP), nata il 25 settembre 2010 per rispondere all’esigenza di gestire e organizzare lo sviluppo di una delle discipline di punta del movimento degli sport per disabili, sia in termini di tesserati, sia per quanto riguarda la scia di medaglie conquistate in ambito internazionale. Mectronic metterà a disposizione dello staff medico della FINP la Theal Therapy, la terapia laser made in Italy che da anni rappresenta uno strumento all’avanguardia nonché una vera e propria metodologia curativa dei campioni alla portata di tutti.

Una storia di successi
Già presente ai primi Giochi Paralimpici della storia, quelli di Roma ’60, il nuoto paralimpico è sempre riuscito nell’obiettivo di creare il giusto ricambio generazionale, assicurando presente e futuro di questo sport. La FINP, che ad oggi vanta 150 società affiliate e 900 atleti di appartenenza, ha partecipato con successo ai Giochi Paralimpici di Londra 2012 conquistando 9 medaglie e alle Paralimpiadi di Rio 2016 portando a casa 13 medaglie. Risultati eccellenti superati ai Campionati Mondiali di Città del Messico nel 2017, dove ha conquistato 38 medaglie, e ai Campionati Europei di Dublino 2018 dove il bottino è stato composto da ben 74 medaglie. Ma non è tutto, perché gli azzurrini del nuoto paralimpico si sono contraddistinti anche ai Giochi Europei Giovanili Paralimpici di quest’anno, portando a casa 23 medaglie. Sale così a 44 il medagliere definitivo della Delegazione Azzurra, prima davanti alla Francia e alla Germania.

sport e disabilità

Partnership che contano
«Questa partnership nasce dall’esigenza di unire la forza dei nostri atleti con la professionalità di un’azienda ben nota nel mondo della riabilitazione, ovvero Mectronic. Si tratta di un’importante sinergia che punta a rafforzare ancora di più lo stato di preparazione fisica e atletica dei nostri Top Level – ha spiegato Roberto Valori, presidente della Federazione Italiana Nuoto Paralimpico – Abbiamo deciso di affidarci a Mectronic perché puntiamo sulla qualità, sulla responsabilità e sull’attenzione verso il cliente, caratteristiche primarie del loro modus operandi. Trampolino di lancio di questa importante collaborazione saranno proprio i Campionati del Mondo di Nuoto Paralimpico in programma a Londra dal 9 al 15 settembre».

«Siamo orgogliosi di fornire allo staff medico di una realtà così importante a livello nazionale la nostra tecnologia laser, punto d’arrivo dopo anni di ricerca e innovazione – ha spiegato Ennio Aloisini, CEO di Mectronic – La Theal Therapy, oltre a curare i più forti campioni del panorama sportivo mondiale, è la terapia laser per tutti. Viene infatti utilizzata con successo in ambiti completamenti diversi: dal trattamento delle patologie di un atleta quali tendiniti e lesioni muscolari, al trattamento del dolore di un paziente amputato di arto inferiore; dalla cura delle ulcere cutanee e diabetiche al trattamento conservativo delle patologie della colonna, come ernie, lombosciatalgie e radicolopatie».

Terapie all’avanguardia
Ma non è tutto, perché oltre alla Theal Therapy Mectronic metterà a disposizione dello staff medico della Federazione Italiana Nuoto Paralimpico anche la Doctor Tecar, terapia che stimola i naturali processi rigenerativi e di autoriparazione dell’organismo. In modalità “naturalmente termica”, sia continua che pulsata, favorisce un immediato sollievo dal dolore, agisce sulle terminazioni nervose libere riequilibrando i potenziali di membrana dei nocicettori e favorisce il blocco della sensazione dolorosa attraverso la liberazione di endorfine. Entrambe le terapie permetteranno ai nuotatori paralimpici di recuperare velocemente le condizioni ottimali per il proseguo della loro attività agonistica e rimanere al top della forma fisica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

17 − quindici =