Stadio della Roma, l’assessore Frongia indagato per corruzione

L'ambito è quello di un filone dell'inchiesta per il quale lo scorso 13 giugno vennero arrestate nove persone tra cui l'imprenditore Luca Parnasi

stadio della roma

Il giorno dopo l‘arresto di Marcello De Vito, presidente dell’Assemblea capitolina, un’altra notizia scuote il Comune di Roma: l’assessore allo Sport, Daniele Frongia, è indagato per corruzione.

L’ambito è quello di un filone dell’inchiesta sullo stadio della Roma per il quale lo scorso 13 giugno vennero arrestate nove persone tra cui l’imprenditore Luca Parnasi, proprietario della società Eurnova, che stava realizzando il progetto dello Stadio, cinque suoi collaboratori e l’ex presidente di Acea Luca Lanzalone. Frongia è stato anche vicesindaco del Comune.

A chiamare in causa il nome di Frongia è stato lo stesso Parnasi in uno degli scorsi interrogatori: al centro della vicenda ci sarebbe stata la richiesta all’assessore di segnalargli una persona da inserire in Ampersand, società dello stesso Parnasi, come responsabile delle relazioni istituzionali. Frongia suggerì una sua amica ma il tutto poi saltò a causa degli arresti scattati a giugno.

«Con il rispetto dovuto alla magistratura inquirente, avendo la certezza di non aver mai compiuto alcun reato e appurato che non ho mai ricevuto alcun avviso di garanzia, confido nell’imminente archiviazione del procedimento risalente al 2017», ha commentato Frongia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here