Startup, ecco la piattaforma che aiuta a pagare le tasse

L'idea nasce con lo scopo di aiutare privati e possessori di partita iva a organizzarsi in vista delle varie scadenze da pagare

tasse

Solo due cose sono certe nella vita: la morte e le tasse. Per quanto riguarda le ultime, però, è in arrivo una piattaforma in grado di aiutarci a pagarle. Si chiama “Tassa facile” ed è un’idea di Chiara Lo Cascio, Umberto Canessa e Bartolomeo De Vitis, che verrà lanciata nei primi giorni di ottobre. La piattaforma si rivolge a quanti hanno una partita iva o a privati che devono pagare l’Imu o altre scadenze. È un’evoluzione di GoSherpy, l’app nata due anni fa, che aiuta a risparmiare per raggiungere un obiettivo. A spiegarci come si è sviluppato il progetto di Tassafacile.it è la co-fondatrice Chiara Lo Cascio.

A cosa serve “Tassa facile” e com’è nata l’idea?
Serve per mettere da parte, in automatico, i soldi per pagare le tasse quando usiamo una partita iva e quindi andiamo a ricevere dei bonifici lordi, il netto ce lo possiamo tenere ma tutta la parte di tasse, di inps, di irpef, oppure l’imposta sostitutiva per i forfettari andrebbe messa da parte per poi non ritrovarsi alla fine dell’anno, o di un trimestre per chi ha l’iva, a dover sborsare grandi cifre. L’idea nasce da GoSherpy, la nostra app di un salvadanaio per obiettivi, dal mettere da parte soldi per un viaggio o per comprarsi una macchinetta fotografica. C’è anche chi ha messo i soldi da parte per il matrimonio. Però, tendenzialmente, GoSherpy era nato per singoli obiettivi, non per cose importanti come pagarsi il mutuo oppure un fondo pensione. Però io stessa, dopo aver aperto la partita iva, ho iniziato a usarlo anche per mettere da parte i soldi delle tasse, o meglio facevo degli obiettivi per comprarmi una macchina fotografica, e poi mi ritrovavo a utilizzare i soldi messi da parte per pagare le tasse. L’idea nasce proprio da questo e crediamo che anche se ci sono molte persone capaci a gestire da soli i conti delle proprie finanze, c’è anche qualcuno che ha qualche difficoltà a organizzarsi e mettere da parte quello che dovrà pagare per le tasse.

Come funziona?
I fondi vengono depositati su dei conti correnti che non possono essere movimentati nemmeno dalla banca e sui quali non c’è nemmeno interesse. È un sistema completamente sicuro, su un account gestito da Mangopay, che è il nostro partner di e-money issuer e ci permette, non essendo una banca, di fare questa raccolta di fondi. Per Tassa facile un sistema va a leggere i movimenti nel conto e capisce se quell’entrata è relativa a una fattura e quindi va a stornare l’ammontare necessario. Quello che l’utente potrà fare una volta che si iscrive a Tassa facile è impostare qual è il suo profilo fiscale, quindi ad esempio se è una partita iva ordinaria, forfettaria e così via. Possono anche accedere a tassafacile.it i privati che devono pagare l’imu. In quel caso le scadenze fiscali sono già tutte integrate dento il sistema, che sa già, al momento in cui ci si registra, quando bisognerà pagare. L’ammontare va inserito manualmente, però si tende a prelevare dal conto nel giorno del mese scelto dal cliente. Per chi ha una partita iva, invece, andiamo a fare uno screening dei movimenti in entrata e nel momento in cui c’è un bonifico che ha accompagnato la fattura si va a prelevare dal conto e mettere da parte quello che il cliente ha impostato. Tendenzialmente abbiamo dei profili standard che poi possono essere modificati. Su tassafacile.it non è il cliente che imposta una cifra da mettere da parte, ma è il sistema che la calcola sulle aliquote che devono essere pagate e che sono state impostate a monte.

startup
Un’immagine dal sito tassafacile.it

Quali sono i costi per l’utente?
C’è un abbonamento annuo pari a 99 euro, dopodiché basta impostare il profilo e il sistema lavora in automatico e una decina di giorni prima di ciascuna scadenza fiscale ti manda i fondi necessari a pagarla.

Pensate di esportare Tassa facile anche all’estero?
Sì, Umberto sta già verificando con i nostri investitori per vedere se è possibile esportare il sistema anche in altri Paesi con altre fiscalità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciotto + tredici =