Strumenti di ricerca Google, cosa digita il tuo vicino di casa?

Tra gli strumenti di ricerca Google spicca Trends: ti dice quali sono gli argomenti più caldi in Italia (anche per singola regione e paese) e all’estero

strumenti di ricerca Google

Tra gli strumenti di ricerca Google spicca Google Trends. Può essere usato per svariati motivi (soprattutto professionali, basti pensare a chi gestisce un sito internet), ma anche per capire quanto una parola, un argomento o un personaggio siano stati digitati sul motore di ricerca per pura conoscenza. La cosa diventa particolarmente interessante quando si entra nello specifico, andando a capire quali sono le stime all’interno delle regioni d’Italia e poi nelle singole città o paesi. Insomma, si può capire più o meno cosa digita il tuo vicino di casa…      

Come un barista
Un tempo si andava al bar per discutere dei fatti del giorno con conoscenti o meno: si parlava di politica, di calcio, ma anche dell’ultimo pettegolezzo. Tra gli strumenti di ricerca Google, Google Trends prende le sembianze del barista, che incamera le chiacchiere (anzi, i click) e sa benissimo qual è la graduatoria degli argomenti più interessanti.

La struttura 
Nella home page di Google Trends si può inserire un termine di ricerca o un argomento per vedere l’andamento nel tempo. In alto a destra si può scegliere la nazione di riferimento. Oltre alla sezione “Esplora”, c’è quella che fa riferimento alle “Tendenze delle Ricerche”. Utilissima anche l’opzione che ti permette di comparare due ricerche nel corso del tempo, con intervalli minimi (ultima ora) e massimi (dal 2004 al presente) ma anche medi (ultimi 30 o 90 giorni).    

L’esempio
Venerdì 7 giugno al primo posto delle tendenze in Italia c’è “Rocco Commisso”, il nuovo presidente della Fiorentina. L’italoamerciano ha acquistato il club viola dalla famiglia Della Valle da circa 24 ore.

Andando nel dettaglio si può vedere in quale regione d’Italia è stato cercato di più: la Toscana chiaramente comanda la classifica. La Fiorentina, del resto, è la squadra di Firenze. Al secondo posto, non a caso, c’è la Calabria: Commisso lasciò questa regione all’età di 12 anni per trasferirsi negli States con la famiglia. In America ha costruito il suo impero.

Premendo successivamente sulla regione, c’è la classifica dei singoli paesi che hanno battuto più volte le parole “Rocco Commisso” sulle tastiere: al primo posto si trova Scandicci, di seguito Grassina e Signa.   

Classifica annuale
Ogni anno Google Trends, forse uno degli strumenti di ricerca Google meno famosi, stila la classifica mondiale delle ricerche fatte dagli utenti in base alla categoria di appartenenza, divise per nazione ma anche globali. Al primo posto del 2018, in Italia, tra le parole c’è “Mondiali”: la manifestazione pallonara in Russia ha riscosso un successo enorme nonostante la mancata partecipazione dell’Italia. Al secondo posto “Sergio Marchionne”, poi “Cristiano Ronaldo”, di seguito “Fabrizio Frizzi” e “Grande Fratello”. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dodici − quattro =