Tasse: ecco TaxMan, l’app che gestisce la contabilità per le partite Iva

La startup permette di gestire la contabilità dal proprio smartphone e arrivare fino alla dichiarazione dei redditi in piena autonomia

app TaxMan

Si chiama TaxMan ed è una startup nata nel 2017 da un’idea di cinque ragazzi che si sono chiesti in che modo un freelance o un libero professionista potesse gestire la propria contabilità senza impazzire e risparmiando anche qualche centinaio di euro. «Ci siamo resi conto che mancava uno strumento facile e studiato su misura per i tanti giovani freelance che decidono di aprire una partita Iva e che preferirebbero adempiere agli obblighi fiscali online, risparmiando sui costi di un consulente» racconta Rosario Barresi, co-founder dell’azienda. «Abbiamo così realizzato un’app che fa proprio quello che noi avremmo voluto avere: generare fatture, calcolare la tassazione dovuta in tempo reale, per non avere brutte sorprese a luglio, e fare la dichiarazione online a prezzi ragionevoli e in totale sicurezza, essendo sempre assistiti in chat. In giro non esisteva nulla di simile, mentre la richiesta di un prodotto così è molto elevata».

Come funziona TaxMan
L’app è pensata per chi lavora con partita Iva in regime forfettario (ma si sta allargando anche agli ordinari) ed è disponibile per Android e iOS. Esistono tre fasce di abbonamento: TaxMan Pro da 12 euro, Dichiarazione Light da 169 euro e Dichiarazione Premium da 199 euro, sempre annuali. La versione base permette di registrare fatture in entrata e in uscita, fare una stima delle tasse da pagare, avere un calendario delle scadenze ecc. Mentre la versione da 169 euro consente di aprire via app anche la propria partita Iva e, se non si hanno ulteriori redditi, come quelli provenienti da case, collaborazioni occasionali e altro, consente di arrivare perfino alla dichiarazione dei redditi, il tutto con una chat interna che permette di parlare con un vero commercialista. Con Dichiarazione Premium è possibile preparare la dichiarazione dei redditi anche se si hanno entrate diverse.

I vantaggi dell’app
«Con l’introduzione della Flat Tax i professionisti che fatturano fino a 65.000 euro annui, circa il 78 per cento del totale secondo i dati dell’Osservatorio Economico e dell’Associazione Italiana Dottori Commercialisti, calcoleranno le tasse in maniera forfettaria. Secondo fonti interne, il numero di forfettari potrebbe arrivare a 2,8 milioni nei prossimi anni», spiega Rosario Barresi.

«Una semplificazione che apre nuove opportunità per l’assistenza fiscale digitale nei confronti di una platea attualmente stimata in quasi 2 milioni di persone. Rispetto a un commercialista tradizionale, TaxMan offre a questa categoria di soggetti una serie di vantaggi: innanzitutto il risparmio, visto che mediamente per un commercialista si spendono dai 400 ai 1000 euro all’anno. Poi la semplicità, perché tutto è controllabile in tempo reale dall’app. Abbiamo implementato i calcoli per 16 casse previdenziali in grado di coprire i circa 2,3 milioni di professionisti con partita Iva. Per ultimo la fatturazione: TaxMan integra un software di fatturazione, pensato appositamente per piccoli freelance e predisposto per la fatturazione elettronica anche se al momento non obbligatoria per i forfettari».

La campagna su CrowdFundMe
Da pochi giorni TaxMan ha aperto la sua campagna su CrowdFundMe, la prima piattaforma italiana di equity crowdfunding quotata in Borsa. «Abbiamo grandi potenzialità di sviluppo» – racconta Barresi – L’obiettivo per il 2019 è di 200 servizi fiscali venduti e 2.000 utenti paganti, quello per il 2020 è invece di 650 dichiarazioni e 5.000 abbonati». L’obiettivo di raccolta fondi fissato è di 70 mila euro.

La Flat Tax attiva da gennaio 2019 rappresenta un’opportunità notevole per chi offre servizi fiscali e non esiste al momento nessun player che abbia strutturato un’offerta specifica su app per questa nicchia di mercato. «Considerato che ogni partita Iva paga almeno 400 euro per il commercialista e considerando solo 1,5 milioni di partite Iva, il mercato potenziale in Italia vale 600 milioni di euro».

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 − due =