Tav, per la Lega la Torino-Lione va portata a termine

Il viceministro dei Trasporti, Edoardo Rixi, si dice fiducioso sul completamento dell'opera che riceve anche l'appoggio del vicepremier Matteo Salvini

Tav

Dopo le parole del ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli (M5S), che sui risultati dell’analisi costi/benefici sulla Tav, realizzata dall’equipe del professor Marco Guido Ponti, ha parlato di «numeri estremamente negativi», arriva la risposta degli alleati di governo. Infatti, il viceministro delle Infrastrutture, Edoardo Rixi (Lega), durante un intervento alla trasmissione Focus Economia su Radio24, ha dichiarato: «Secondo me la Tav si farà, si farà con meno soldi, si faranno anche altre opere e alla fine si troverà una sintesi a livello governativo. Io mi auguro che le cose stiano così perché il paese ha bisogno di risposte e le aziende hanno bisogno di credere in un paese, in un governo che investe su sé stesso».
E sull’analisi presentata dal ministro Toninelli si è espresso, a margine del convegno sulle Agromafie di Coldiretti, anche il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini: «Non mi ha convinto – ha spiegato il ministro, ribadendo che – Più veloci viaggiano le merci e le persone e meglio è».

Le critiche dell’opposizione
A ribattere ai risultati del lavoro del professor Ponti è stato anche l’ex ministro delle Infrastrutture e attuale capogruppo del Partito democratico alla Camera, Graziano Delrio che, dalle frequenze della radio di Confindustria, ha dichiarato: «Sulla Tav è in corso una pagliacciata, nessuno potrà mai revisionare un trattato internazionale perché non c’è la maggioranza in Parlamento per farlo. Il ministro dovrebbe avere il coraggio di venire in aula e proporre la revisione, non lo farà. Non è mai successo nella storia dell’Italia che si disattenda a un trattato internazionale ratificato per ben quattro volte. Stiamo soltanto perdendo tempo e soldi. Non siamo in grado di mantenere un impegno con un partner straniero».
Infine, il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, durante la trasmissione “Stasera Italia” su Rete4, ha spiegato: «Se non facciamo noi la Tav la farà qualcun’altro passando al di là delle Alpi e sarà un danno rilevante». E riguardo ai costi dell’alta velocità Torino-Lione ha aggiunto che non portare a termine l’opera «significherebbe perdere più soldi che facendola, i numeri girati sono tutti fasulli, l’Europa ci dà il 40 per cento del costo, l’altra metà la dividiamo con la Francia».

Annunci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette − quattordici =