Test d’ingresso a Medicina, 1 posto per 6 candidati  

Manca poco al fatidico test d’ingresso a Medicina, il ‘D-day’ per 68.694 aspiranti camici bianchi che però avranno a disposizione 11.568 posti (erano 9.779 lo scorso anno) nelle Facoltà di Medicina e Chirurgia. Un sogno che non conosce crisi e continua a macinare numeri da record (l’anno passato erano 67 mila i candidati), ma con un rapporto di 1 a 6 tra posti e iscritti. La prova nazionale si svolgerà domani, martedì 3 settembre, e la formula è la stessa: 60 quesiti, di cui 12 di cultura generale, 10 di ragionamento, 18 di biologia, 12 di chimica, 8 di fisica e matematica. Il tempo per rispondere è di 100 minuti. Tra manuali specializzati, simulazioni online, ‘App’ per i quiz e corsi di preparazione ad hoc dai prezzi a tre zeri, i giovani neodiplomati si sono preparati alla prova, usando anche gruppi su Facebook per condividere domande, dubbi e ansie. 

Ai social si ricorre per chiedere un po’ di tutto, ma sopratutto per cercare qualche buona ‘dritta’ da chi l’esame l’ha superato o ha una preparazione migliore sulla carta, e ci si scambiano pareri e suggerimenti su come rispondere ad alcune domande o risolvere problemi matematici. Flavia B. chiede: “Qualcuno saprebbe indicarmi un sito sul quale si possono fare simulazioni per il test?”. Oppure c’è chi mette la foto di una domanda trovata sui manuali di preparazione, che chiede ‘quali dei seguenti animali respira tramite branchie?’, con la lista delle 5 risponde: ‘trota, tartaruga, delfino, pinguino, mosca’. A rispondere ci sono decine di faccette sorridenti. Ma c’è anche chi risponde con molta serietà a queste richieste d’aiuto.  

Una solidarietà tra aspiranti medici che unisce il Nord e il Sud. Per aiutare tutte le aspiranti matricole il Miur ha pubblicato sul sito Universitaly una simulazione della nuova versione del test, con la quale i candidati possono mettere alla prova la loro preparazione 

All’Università Sapienza di Roma il numero di iscritti alla prova di Medicina è pari a 5.733, mentre nel 2018 gli iscritti erano stati 5.529. All’esame per Medicina in lingua inglese sono 818 (nel 2018 erano 677). I posti disponibili sono 985 (più 84 di Odontoiatria). Saranno 75 le aule impegnate per i test d’ingresso. L’ateneo ricorda che “per ciascun candidato è fatto divieto di introdurre in aula tablet, smartwatch, webcam e auricolari, nonché penne e materiali di cancelleria destinati alla scrittura”.  

Per la valutazione della prova nazionale si tiene conto dei seguenti criteri: 1,5 punti per ogni risposta esatta; meno 0,4 punti per ogni risposta sbagliata; 0 punti per ogni risposta non data. La graduatoria è unica a livello nazionale. Le sedi saranno assegnate in base alle opzioni in ordine discendente di graduatoria e in base alle preferenze indicate dallo studente all’atto dell’iscrizione al test. Il 17 settembre il Cineca, per conto del Miur, pubblica esclusivamente il punteggio ottenuto dai candidati secondo il codice etichetta sul sito www.universitaly.it, nell’area riservata ai candidati e nel rispetto delle norme per la protezione dei dati personali. Il 27 settembre, sulla propria pagina riservata del portale Universitaly, i candidati possono prendere visione del proprio elaborato, del proprio punteggio e del proprio modulo anagrafica. Il 1 ottobre viene pubblicata, nell’area del sito Universitaly riservato agli studenti, la graduatoria nazionale di merito nominativa. 

Il 4 settembre sarà invece il turno dei futuri veterinari. Le professioni sanitarie l’11 settembre, mentre il 12 sarà la volta di Medicina in lingua inglese.