Trasporti: Audimob, con lockdown spostamenti giù del 67%

trasporto pubblico

Gli italiani continuano ad affidarsi all’auto per gli spostamenti e con il Covid ancora di più, come se l’auto fosse una ‘grande mascherina’ contro il contagio.
Arretra, invece, il trasporto pubblico, che viene percepito come pericoloso (-89% durante lockdown su stesso periodo 2019) mentre un italiano su due userebbe i monopattini per muoversi, ma tutti chiedono regole ferree. Questo il quadro di una mobilità profondamente modificata rispetto agli scorsi anni: la pandemia si è abbattuta sul sistema dei trasporti come la tempesta perfetta: -67% degli spostamenti giornalieri e -84% di passeggeri per km percorsi. E’ quanto emerge dal 17esimo ‘Rapporto Audimob sulla Mobilità degli Italiani’ realizzato da Isfort in collaborazione con il Cnel e il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, con il contributo scientifico di Agens, presentato oggi durante il webinar “La mobilità in Italia tra la gestione del presente e le strategie per il futuro”.
Il rapporto evidenzia anche che gli incidenti nel 2019 sono calati ma restano comunque molti: sono stati in tutto 172.183, in leggerissimo calo rispetto al 2018 (-0,2%), le vittime sono state 3.173, ovvero – 4,8% e i feriti 241.384 (-0,6%). Il numero di morti è il più basso dell’ultimo decennio e il lockdown, solo in questo caso, ha avuto un effetto benefico: il calo degli incidenti stradali è stato di circa il 72% a marzo e dell’85% ad aprile.