Trasporti, firmato un accordo per 400 assunzioni immediate in Trenitalia

L'accordo è stato firmato: è ufficiale. Si tratta di un vero e proprio ricambio generazionale dato che solamente quest'anno sono già state prese 1750 persone

trasporti

Il settore dei trasporti cerca personale. Trenitalia, infatti, assumerà altre 400 persone entro dicembre 2019. «Di queste, 293 saranno impiegate sui treni, 66 nella manutenzione dei mezzi e 41 nel settore commerciale, tra vendita e assistenza», annuncia Salvatore Pellecchia, segretario generale della Fit-Cisl. L’accordo è stato firmato tra i vertici di Trenitalia e quelli del sindacato: è ufficiale. Si tratta di un vero e proprio ricambio generazionale dato che solamente quest’anno erano già state assunte 1.750 persone.

Con gli ulteriori 400 posti di lavoro si sfonderà la quota delle 2.000 assunzioni in Trenitalia, nel settore trasporti. «Salgono così a 2.150 le assunzioni promosse dal sindacato insieme a questa azienda nel solo 2019. Un risultato molto significativo che conferma la capacità del sindacato di creare posti di lavoro attraverso la contrattazione. È un modello positivo che vogliamo esportare nelle altre imprese ferroviarie che continuano a crescere e fare profitti», continua Pellecchia.

Altre conquiste
Così Gaetano Riccio, coordinatore nazionale Fit-Cisl per la mobilità ferroviaria: «Con il medesimo accordo l’azienda si è impegnata a fare investimenti nei prossimi tre anni per migliorare gli spazi dedicati ai lavoratori come gli spogliatoi e le sale sosta, oltre a un nuovo contratto per i servizi alberghieri per il personale degli equipaggi. Per gli stessi miglioreranno le condizioni di refezione quando sono fuori residenza, grazie alle nuove convenzioni stipulate. Per quanto riguarda la manutenzione dei mezzi, si conferma la possibilità di incrementare le attività “core” con le consegne dei nuovi treni. Nel settore commerciale il confronto proseguirà nei prossimi giorni per meglio definire l’organizzazione dei nuovi servizi».

Ricambio e sicurezza 
«Adesso – conclude Pellecchia – tocca a Rete Ferroviaria Italiana avviare il ricambio generazionale e inserire giovani, sia laureati sia diplomati, anche perché, a seguito dei processi di liberalizzazione del settore, le imprese ferroviarie negli ultimi anni sono proliferate e il maggior uso della rete richiede un maggior impegno per garantire un significativo e tempestivo incremento delle attività di mantenimento in sicurezza ed efficienza dell’infrastruttura ferroviaria».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here