Trizzino, il medico 5S contro i no vax  

“Come posso, da uomo, prima che da medico, non indignarmi? Come posso rimanere insensibile davanti a crimini sostenuti dall’ignoranza e dalla malafede? Come posso, da cittadino, rimanere passivo e inerte, perché inerme, davanti a chi mi governa schiacciandomi con la mala-informazione, la malafede, il malgoverno?”. E’ la denuncia del deputato del M5S Giorgio Trizzino, medico, che torna a parlare, con l’Adnkronos, dell’importanza dei vaccini, soprattutto dopo l’epidemia di morbillo a New York. “Come posso, da uomo, non immaginare uno Stato che mi protegga davvero, che mi tuteli con la forza della scienza, che mi salvi da chi insegue profitto e consenso a costo della vita?”, dice Trizzino. 

“L’ultima notizia, in ordine di tempo, riguarda l’epidemia di morbillo che è scoppiata a New York e che sta riguardando soprattutto la comunità ebraica. Dal mese di ottobre, quando sono stati registrati i primi casi di morbillo, ci sono stati oltre 400 contagi confermati. Soltanto nell’ultima settimana i nuovi casi sono stati 60, cosa che ha portato il sindaco Bill de Blasio a dichiarare uno stato di emergenza sanitaria in alcune zone di Brooklyn dove si ritiene ci sia l’epicentro dell’epidemia – spiega Trizzino all’Adnkronos – Anacronistico, assurdo, fuori dal mondo! Il morbillo non è l’innocua comparsa di qualche macchiolina rossa, che in pochi giorni sparisce; il morbillo può uccidere! L’ha già fatto e potrà continuare a farlo, con la complicità di una parte di opinione pubblica disinformata e di una parte del sistema politico colpevole di renitenza e di connivenza”. 

“Ma quello del morbillo non è che l’ultimo episodio conclamato, l’ultimo anello di una catena di cui pericolosamente non si intravede la fine – prosegue Trizzino -. È assolutamente inaccettabile, in realtà, che i dati dell’evidenza scientifica vengano oggi ad essere oscurati; non è la prima volta e temo che non sia l’ultima. Di Bella, Bonifacio, Zora, Puccio, Stamina, metodi di cure alternative che promettono guarigioni miracolose; fenomeni creati con zelante puntualità da una certa informazione generosamente mobilitata in una sorta di ‘moral suasion’”. 

E ancora: “La società civile mostra chiaramente le sue fragilità, i suoi punti deboli: conosciamo la forza dirompente della diffusione mediatica di false informazioni, basate su posizioni ideologiche suadenti e seducenti. E sappiamo anche che certa politica della captatio benevolentiae, beffandosi delle minime indicazioni rivolte al perseguimento del bene comune, sarebbe persino capace di camminare su cadaveri da lei stessa provocati – denuncia il deputato, dirigente medico all’Ospedale dei bambini di Palermo -. Come posso, da medico, essere contrario all’obbligo di vaccinare i nostri bambini, dubitare che i vaccini hanno fornito un contributo determinante per la sopravvivenza dell’umanità, tacere davanti ai periodici episodi di ‘oscurantismo scientifico’ che periodicamente si verificano nel nostro Paese?”. 

(Fonte: Adnkronos)