Tumori al seno e prevenzione: visite gratuite sui treni Frecciarosa

In questa edizione il servizio sarà esteso anche a bordo di alcuni regionali che si muovono all'interno della Sardegna

tumori
Il treno speciale in partenza (fonte: incontradonna.it)

Squadra che vince non si cambia. Al massimo si rafforza. Così, per l’ottava volta, scatta Frecciarosa, la quasi decennale campagna di prevenzione contro i tumori al seno che viaggia in treno. Dal 2 al 31 ottobre, infatti, a bordo di alcune Frecce, IntercityRegionali e nei FrecciaLounge, SalaFreccia e FrecciaClub, medici e volontari di IncontraDonna offriranno gratuitamente visite, consulenze, ecografie e materiale informativo sui tumori del seno, con uno sguardo alla salute di tutta la collettività. Insomma, la donna è al centro del viaggio. L’obiettivo, del resto, è combattere i tumori mammari, promuovere corretti stili di vita e sensibilizzare alla cultura della prevenzione. In questa edizione il servizio sarà esteso anche a bordo di alcuni treni regionali che si muovono all’interno della Sardegna. Le attività si svolgeranno pure nelle sale di Trenitalia dedicate ai viaggiatori di Roma Termini, Milano Centrale, Torino Porta Susa, Verona Porta Nuova e Salerno. L’iniziativa è promossa dal Gruppo FS e da IncontraDonna Onlus. Gode del patrocinio del Ministero della Salute e del sostegno di Farmindustria. Qui si può consultare il programma completo, giorno per giorno, tratta per tratta, stazione per stazione.  

Tumori
Il treno Frecciarosa in partenza (fonte: incontradonna.it)

Che numeri
Le ultime sette edizioni del Frecciarosa hanno registrato un importante successo: più di 1.500 consulenze a bordo treno e in stazione, circa 3 mila visite senologiche gratuite effettuate e oltre 600 mila Vademecum della Salute distribuiti. Oltre 8 milioni di viaggiatori Trenitalia in totale intercettati dall’iniziativa. «Anche un viaggio in treno può essere una buona occasione per riflettere sulla nostra salute – ha evidenziato il ministro della Salute Giulia Grillo – In quest’ottica abbiamo voluto realizzare con l’Associazione IncontraDonna Onlus e FS Italiane il Vademecum della Salute, che sarà distribuito ai passeggeri dei convogli Trenitalia per promuovere la cultura dell’adozione di corretti stili di vita e dell’adesione ai programmi di screening quali strumenti principali di prevenzione. Vogliamo così aggiungere un piccolo, ma utile tassello alla consapevolezza e all’informazione sul modo più semplice per ridurre i rischi di sviluppare tante patologie. Vogliamo anche sensibilizzare sul fatto che aderire ai controlli di screening offerti dal Servizio sanitario nazionale significa migliorare la durata e la qualità della nostra vita. Le diagnosi precoci, infatti, consentono di intervenire sulle malattie quando sono ancora in fase iniziale e quindi le possibilità di cura e guarigione sono più alte. L’iniziativa Frecciarosa consente di raggiungere tanti cittadini di tutte le età. Ogni giorno è buono per iniziare a prendersi cura di sé e delle persone che amiamo».

Tutto il rosa della vita
Questa iniziativa dei treni si va ad aggiungere alla Carovana della prevenzione e al Vaporetto rosa, barca dotata di uno spazio per le visite senologiche (effettuate su prenotazione, da staff specializzato dell’Ulss 3 Serenissima) che è partita da Venezia e che nei prossimi giorni toccherà prima Parco San Giuliano (10-12.30 e 14.30-18.30), poi il 15 la Darsena di Marghera (10-12.30 e 14.30-18.30), il 22 Burano (10-12.30) e Murano (14.30-18.30), per finire il 29 ottobre al Lido (SME 10-12.30) e Pellestrina (14.30-18.30). Per le visite a bordo del Vaporetto rosa si può telefonare al numero 3357892876 (dottoressa Marzia Carniato), dalle ore 10 alle 17, dal lunedì al venerdì. I posti sono limitati.

 

.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette − quattordici =