Tumori, mammografie gratis: torna Ottobre Rosa per le donne del Lazio

Stavolta la campagna di screening è estesa anche alla fascia che va tra i 45 e i 49 anni

tumori

Caccia aperta a Ottobre…Rosa. Ripartono nel Lazio i percorsi di cura e prevenzione dei tumori al seno. Per quest’anno la campagna di screening è estesa anche alle donne tra i 45 e i 49 anni, una fascia che non rientra nei percorsi organizzati e attivi tutto l’anno (donne tra i 50 e i 74 anni). I dati dell’Airc parlano chiaro: una donna su otto viene colpita dal tumore al seno nel corso della vita. Di più. L’anno scorso si sono ammalate in 53 mila in Italia. L’Airc, però, ricorda anche i progressi della scienza, cioè che la sopravvivenza dopo 5 anni dalla diagnosi dei tumori è salita a quota 87 per cento. La missione è di arrivare al 100 per cento nel futuro più vicino.    

Lettera o telefonata diretta  
Funziona così: a casa viene spedita una lettera con un invito a prendere un appuntamento presso la Asl di riferimento (che può essere cambiato telefonando al numero  indicato nella lettera), poi il risultato viene comunicato per posta o telefonicamente. Nel caso in cui non dovesse pervenire la lettera di invito a casa, sarà possibile telefonare ai numeri verdi (vedi riquadro sotto) delle aziende sanitarie per avere informazioni e prenotare un esame. Qui si può consultare la lista degli ospedali e ambulatori che hanno aderito a Ottobre rosa.

I numeri da chiamare per prenotare la visita gratis (fonte: salutelazio.it)

Il presidente Zingaretti
«Prende il via nel Lazio per tutto il mese la campagna di prevenzione del tumore al seno Ottobre Rosa. Un fitto programma di iniziative e percorsi di prevenzione interamente dedicati alle donne. I progressi nella ricerca hanno determinato negli anni una crescita continua delle percentuali di sopravvivenza, evidenziando in particolare l’importanza di una diagnosi precoce. Per questo motivo la sensibilizzazione rappresenta un aspetto fondamentale e gioca un ruolo decisivo nel processo di cura». L’ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti presentando le iniziative in programma. «Le donne possono rivolgersi con fiducia alla rete senologica del Lazio e soprattutto è importante che rispondano all’invito della Asl: il percorso di prevenzione, diagnosi e cura è completamente gratuito, senza lista di attesa e soprattutto segue standard di alta qualità con la doppia lettura dei referti». L’anno scorso, grazie a Ottobre Rosa, nel Lazio sono state effettuate 8.600 mammografie in più, con un aumento del 17% rispetto al 2016. «Nella Regione Lazio – spiega l’assessore Alessio D’Amato – possiamo vantare una fitta rete di centri senologici specializzati che risponde ai più elevati standard europei con professionisti molto qualificati ai quali si affianca un mondo del volontariato straordinario. Insieme rappresentano quella rete di accoglienza e supporto per le donne che devono affrontare un periodo molto difficile nella loro vita come quello della malattia».

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here