Tumori, obiettivo mortalità zero per il cancro al seno. Ecco la ricetta Lilt

Oggi la guaribilità si attesta intorno all'80-85 per cento dei casi ma grazie alla diagnosi precoce si potrebbero raggiungere percentuali superiori al 95 per cento

tumori

Cinque obiettivi, “urgenti e imperativi”, per raggiungere la mortalità zero nella lotta contro il cancro al seno. Li individua la Lilt, Lega italiana per la lotta contro i tumori, che ha lanciato la 27esima edizione di “Lilt for Women – Campagna Nastro rosa” per sensibilizzare le donne sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce.

«Poco rincuora la diminuzione della mortalità», osserva la Lilt: «Le diagnosi di cancro al seno sono cresciute del 15 per cento negli ultimi 5 anni e purtroppo interessano sempre di più le giovani donne sotto i 40 anni». Sottolinea il presidente nazionale dell’associazione Francesco Schittulli, senologo e chirurgo oncologo: «Oggi la guaribilità del cancro al seno è attestata intorno all’80-85 per cento dei casi. Ma grazie alla diagnosi precoce, quando il tumore è di pochi millimetri, si potrebbe raggiungere una guaribilità superiore al 95 per cento. Questo richiede però il superamento di alcune problematiche a livello nazionale e regionale, l’impegno delle istituzioni e il pieno supporto educativo del sistema scolastico».

La ricetta Lilt
Primo obiettivo: uniformità territoriale dello screening senologico, tutt’ora a macchia di leopardo. Secondo: abbassamento dell’età dello screening, allargato all’ecografia. Terzo: coinvolgimento attivo del mondo scolastico per le ragazze (corretta informazione e insegnamento dell’autopalpazione). Quarto: periodici e codificati controlli clinico-strumentali per le donne già colpite dal cancro al seno per il controllo di insorgenza di metastasi. Quinto: istituzione di Breast Unit per una qualificata continuità sanitaria e assistenziale, anche per le circa 800 mila donne italiane con il vissuto cancro al seno e delle loro famiglie, con un approccio umano e personalizzato.

La campagna
«Con la Campagna Nastro rosa – aggiunge Schittulli – Lilt ribadisce con forza l’importanza della prevenzione come stile di vita. E’ importante che le donne si sottopongano a visite senologiche già a partire dai 30 anni di età». Per diffondere il messaggio anche quest’anno, per tutto il mese di ottobre, sarà possibile sottoporsi a visite senologiche gratuite presso le sezioni Lilt provinciali e gli ambulatori aderenti all’iniziativa, dove si potranno anche ricevere consigli, trovare materiali informativi e l’opuscolo dedicato, nonché partecipare alle molte iniziative che ogni Lilt provinciale sta preparando. Per farlo è necessario prenotarsi al numero verde Sos Lilt 800 998877, dove si possono anche ottenere informazioni e indicazioni riguardo alle proprie necessità.