Dieci milioni di turisti in meno in Italia

tour sharing

I numeri sono prevedibile, ma allo stesso tempo impietosi. La chiusura delle frontiere – in particolar modo quelle per i Paesi extra-UE – ha provocato e sta provocando un sensibile calo (numerico ed economico) dei turisti nel nostro Paese. I dati diffusi questa mattina da Coldiretti mostrano come in Italia la perdita stimata superi gli 1,8 miliardi di euro con un settore sempre più in crisi. Le stringenti norme sanitarie, le notizie sui continui contagi che arrivano da Oltreoceano e i timori hanno provocato un danno economico di dimensioni enormi. I turisti in Italia a giugno sono in calo di oltre 10 milioni, con tutto ciò che comporta questa netta diminuzione. A fare da traino è il mancato afflusso di turisti statunitensi nel nostro Paese che, in situazioni di normalità – confrontando i dati degli scorsi anni – rappresentano una buona fetta (insieme a quelli cinesi) del terzo settore italiano: «I viaggiatori provenienti dagli Usa sono i turisti extracomunitari più affezionati all’Italia con ben 12,4 milioni di pernottamenti durante l’estate secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Bankitalia relativi al terzo trimestre del 2019. Una perdita importante che – sottolinea la Coldiretti – si somma a quelle dei viaggiatori provenienti dalla Russia che sono stati in costante crescita negli ultimi anni mentre deboli segnali arrivano ancora sulle presenze da Germania e nord Europa nonostante la riapertura delle frontiere da quasi 15 giorni».