Ucciso a coltellate, colpevole ‘incastrato’ dalla telecamera  

E’ stato incastrato dalle immagini di una telecamera che inquadrava il ballatoio esterno dell’abitazione, il quarantasettenne di origine egiziana fermato nella notte per l’omicidio di Milad Gerges
, trentenne suo connazionale, ucciso a coltellate ieri nel suo appartamento in viale Monza a Milano. Le immagini restituiscono parte del delitto, quando la vittima subisce l’ultima fase dell’aggressione e crolla a terra, spiegano durante la conferenza stampa in questura. 

Il presunto assassino, proprietario dell’abitazione in cui vivevano la vittima e altre cinque persone, si è avvalso della facoltà di non rispondere alle domande del magistrato. L’omicidio sarebbe nato per uno screzio legato a motivi personali, ma nessuno degli altri coinquilini presenti ha chiarito la reale motivazione. Risulta indagato per concorso in omicidio un altro egiziano, ma non avrebbe avuto un ruolo concreto nello sferrare le tre coltellate che hanno ucciso il trentenne.  

(Fonte: Adnkronos)