Ucciso per uno zainetto, fermati due sospettati 

Fermati i due sospettati che mercoledì sera a Roma, vicino al Parco della Caffarella, hanno aggredito Luca Sacchi e la fidanzata Anastasia per rubare loro uno zainetto. Il 24enne romano è morto per difendere la ragazza dallo scippo, dopo essere stato ferito alla testa da un colpo di pistola esploso da uno dei due. La Procura indaga per omicidio volontario: il presunto assassino interrogato in Questura dai pm.  

“Eravamo appena usciti dal pub. Mi sono sentita strattonare da dietro, mi hanno detto ‘dacci la borsa’. Gliela stavo consegnando quando mi hanno colpito con una mazza” ha detto agli inquirenti la fidanzata di Luca. Lui “a questo punto è intervenuto – ha raccontato ancora la giovane – e ha reagito, bloccando il ragazzo che mi aveva aggredito; quindi è intervenuto l’altro aggressore che gli ha sparato alla testa”. Sul caso indagano i carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma.