Umbria, Meloni: «Non so che farà il governo, io mi sarei dimessa stanotte»

La leader di Fratelli d'Italia commenta il risultato delle regionali in Umbria che hanno visto trionfare il candidato di centrodestra e lancia un attacco all'esecutivo

Umbria

All’indomani del voto in Umbria che ha certificato la schiacciante vittoria del centrodestra, la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, analizza il risultato elettorale che ha visto trionfare il candidato di centrodestra, Donatella Tesei, sull’avversario sostenuto da Pd e M5S, Vincenzo Bianconi. «Espugnata la roccaforte della sinistra – scrive in un post su Twitter, a risultato acquisito – ora liberiamo l’Italia!». E a questo proposito la leader FdI ricorda come lo sguardo sia rivolto al futuro e alle prossime elezioni: «Ora la partita centrale sarà in Emilia Romagna ma anche la Calabria sarà importante. Noi in particolare lavoriamo sulla Puglia e sulle Marche. Siamo impegnati a individuare i candidati migliori».

Critiche a premier e governo
Poi, in un’intervista rilasciata a Rtl 102.5 critica il premier Giuseppe Conte sui voti ottenuti in Umbria: «Trovo scandaloso che Conte dica che valgono il 2 per cento della popolazione. Loro che hanno fatto il governo con 70 mila persone che votano su Rousseau, che poi bisogna vedere se sono vere. Le 70 mila di Rousseau vanno bene e i 700 mila umbri no? Di cosa stiamo parlando? È un racconto che viene manipolato per interesse. L’interesse di questa gente è rimanere abbarbicati alla poltrona».
Durante l’intervento in radio, la Meloni parla anche del futuro dell’esecutivo giallorosso: «Cosa il governo farà non lo so dire, io avrei rassegnato le dimissioni stanotte. Quando arriva un ceffone come quello che gli umbri hanno dato al governo non puoi fare finta di niente».

Umbria