Umbria, stretta finale per il candidato 

Va avanti la trattativa tra Movimento 5 Stelle e Partito democratico per la scelta del candidato civico da appoggiare alle regionali in Umbria del 27 ottobre. Tra i nomi in pole c’è quello della presidente dell’Istituto Serafico di Assisi, Francesca Di Maolo, che però non ha ancora sciolto la riserva. I dem, dopo un vertice del Pd umbro, hanno manifestato la loro intenzione di proseguire il percorso intrapreso con i pentastellati. “Il Pd dell’Umbria, che da mesi ha scelto il terreno di una alleanza civico-sociale, ha condiviso con 5 Stelle l’idea di accogliere come guida di questo progetto personalità di grande spessore, di forza unificante, di innovazione”, ha detto Walter Verini al termine della riunione. 

Da fonti M5S nelle ultime ore trapela un certo ottimismo per l’esito della partita, anche perché il Pd avrebbe ‘ceduto’ su Andrea Fora, ex presidente di Confcooperative Umbria, profilo non gradito ai pentastellati. “Il suo”, ha sottolineato Verini a proposito di Fora, “è stato un percorso ed è un progetto fondamentale anche per un’alleanza più larga. Un progetto che – ci auguriamo e crediamo – possa essere parte integrante di questa sfida, anche in presenza di altre personalità che potranno sintetizzare questa nuova tappa e questo allargamento dell’alleanza e della coalizione”. Il capo politico dei 5 Stelle Luigi Di Maio sta seguendo in prima persona il dossier Umbria. E secondo quanto si apprende, la partita potrebbe chiudersi entro l’ora di pranzo. Alle 15, infatti, il ministro degli Esteri partirà per gli Stati Uniti. 

(Fonte: Adnkronos)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sei + 9 =