Università, salgono gli affitti e molti studenti devono abbandonare gli studi

A lanciare l'allarme il coordinamento universitario Link, sulla base dei dati dell'ultima analisi di Solo Affitti sui prezzi nelle principali città universitarie

università

Studiare fuori sede può risultare, ad oggi, una scelta molto dispendiosa. Secondo l’ultima analisi di Solo Affitti, infatti, il prezzo degli affitti agli studenti, nelle principali città universitarie, è aumentato ulteriormente con una media di circa il 6 per cento. è questo l’allarme lanciato dal coordinamento nazionale universitario Link: «Per il quinto anno consecutivo ci troviamo di fronte a un aumento vertiginoso degli affitti universitari che troppo spesso costringono migliaia di studenti e studentesse a dover compiere enormi sacrifici o addirittura ad abbandonare gli studi», sottolinea Camilla Guarino, coordinatrice nazionale dell’associazione.

I costi nelle principali città
La Guarino prosegue ricordando quali sono le spese, e i relativi aumenti, che gli studenti si trovano ad affrontare se decidono di affittare una stanza nelle principali città italiane: «Se a Milano per una stanza singola raggiungiamo una cifra folle di 575 euro mensili di media (+2 per cento), a Roma si pagano ancora oltre 400 euro mensili (+6 per cento), a Torino 360 euro (+25 per cento) e a Firenze 358 euro (+12 per cento), con aumenti simili registrati anche a Bologna, Padova, Pavia, Genova, Cagliari, Catanzaro e altre città. Di fronte a questa situazione non vi sono agevolazioni né politiche pubbliche per aiutare gli studenti a pagarsi una stanza, lasciati troppo spesso in balia della speculazione immobiliare, di stanze troppo piccole e di contratti inadeguati alle loro esigenze».

Agevolazioni per gli studenti universitari
La richiesta dell’associazione, quindi, è che i vari Comuni si impegnino a rivedere i contratti a canone calmierato, garantendo agevolazioni agli studenti universitari. Inoltre, si ricorda la necessità «che il governo torni a finanziare strutturalmente il diritto allo studio. Ancora oggi – aggiunge l’esponente dell’associazione universitaria – migliaia e migliaia di studenti che ne hanno diritto non riescono ad accedere a un posto alloggio e sono costretti a rivolgersi al mercato privato! Bisogna potenziare la residenzialità pubblica, adeguando le residenze universitarie al numero di studenti che richiedono un posto alloggio, riconvertendo il patrimonio pubblico dismesso e i beni confiscati alla mafia. Basti pensare che a Roma solo 1 studente fuorisede su 50 riesce ad accedere a un posto alloggio!». L’associazione si dice pronta a mobilitarsi insieme agli studenti affinché il governo si impegni a far fronte agli ostacoli che, di fatto, rappresentano un impedimento a chi decide di proseguire la sua carriera scolastica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 − tre =