Vaccini, negli Usa genitori contro pediatri che assistono i “No Vax”

Da uno studio dell'Università del Michigan risulta che 4 genitori su 10 sarebbero pronti a cambiare il medico dei propri figli in base alle sue decisioni

vaccini

Su una cosa i genitori americani non transigono: la scelta del pediatra, soprattutto in base alle sue decisioni quando si parla di vaccini. Secondo un recente sondaggio sulla salute dei bambini, elaborato dall’Università del Michigan, infatti, sembra che 4 genitori su 10 cambierebbero il medico dei propri figli se questo assistesse anche famiglie “No Vax”.

I risultati del sondaggio
Il campione preso in esame dallo studio è formato da 2032 genitori americani con almeno un figlio con età inferiore ai 18 anni. Secondo il 17 per cento degli intervistati «un bambino non vaccinato non dovrebbe essere autorizzato a utilizzare la sala d’attesa del pediatra», mentre per il 27 per cento «i bimbi non vaccinati dovrebbero indossare mascherine nella sala d’attesa per proteggere chi è più vulnerabile».
Secondo Sarah Clark, co-direttore del sondaggio, «i pediatri si sforzano di mantenere i bambini sani e questo include l’incoraggiamento delle famiglie a seguire i programmi di vaccinazione raccomandati. Quando una famiglia rifiuta tutti i vaccini per l’infanzia, mette i medici in una posizione di “sfida” a cui devono rispondere».