Vaccini: obiettivo è 500mila dosi al giorno. Speranza: “Ricominciare a correre”

Il grande lavoro di questi giorni permette di ricominciare a correre nelle vaccinazioni. Lo spiega il ministro della Salute Roberto Speranza, intervistato in apertura della Stampa, ricordando che con il dl Sostegni si mettono in campo 150 mila tra medici di famiglia, odontoiatri, pediatri, oltre a 19 mila farmacie dove vaccinarsi, e fino a 270 mila infermieri da coinvolgere.

Dopo il caso AstraZeneca, sottolinea che non ha senso scegliere il vaccino (‘sono tutti sicuri ed efficaci’, dice) e aggiunge di aspettarsi che Ema sia rapida nel decidere sullo Sputnik, come sugli altri. Il sistema dei colori resterà anche dopo il 6 aprile.

E’ slittato l’invio dei vaccini AstraZeneca in Italia: l’arrivo di 134mila unità è stato annullato per motivi logistici a causa della sospensione precauzionale. Verrà recuperato il 24 marzo. “Il vaccino e’ la vera soluzione, ci fidiamo delle autorita’ regolatorie, la sospensione di AstraZeneca e’ un segno di attenzione che dovrebbe aumentare il livello di fiducia. In queste ore con la ripresa delle vaccinazioni l’adesione e’ stata significativa, segno che le persone capiscono che il vaccino e’ la vera arma”. Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza durante “Stasera Italia Weekend” su Rete 4. “A me non piacciono le classifiche – ha detto sulle diverse situazioni regionali – credo nella collaborazione Stato-Regioni, e ora abbiamo le intese con medici e farmacie che danno una nuova spinta”.

Si sono vaccinati al drive through della Difesa alla Cecchignola, a Roma, il Commissario straordinario per l’emergenza Covid, Francesco Figliuolo, e il Capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio. A entrambi, che hanno atteso in fila assieme ad altri cittadini e militari seguendo i regolari protocolli per la somministrazione, è stata inoculata la dose di Astrazeneca in una delle tende allestite nella struttura.

Le dosi del vaccino Johnson & Johnson arriveranno in Italia nella seconda metà di aprile e in quel periodo l’obiettivo fissato è la somministrazione di 500mila dosi al giorno,  ha riferito Figliuolo, parlando con la stampa dopo la sua vaccinazione.

“In alcune regioni l’annullamento delle prenotazioni dei vaccini con AstraZeneca è stato del 20%, in altre del 10% e in altre ancora non c’è stato – ha aggiunto -. Quindi il differenziale e praticamente zero”. Il generale ha anche spiegato in merito alla campagna vaccinale che adesso “ci sarà un’accelerazione”.

Non mi sono ancora prenotato ma farò Astrazeneca, ha affermato Mario Draghi in conferenza stampa. Disdette ferme al 5-10%, qualche timore ma soprattutto la consapevolezza diffusa che solo vaccinandosi si potrà finalmente tornare a vivere. Gli italiani hanno accolto favorevolmente il nuovo via libera dell’Ema e dell’Aifa ad Astrazeneca e si sono presentati negli hub e nei luoghi dove dopo 4 giorni di stop è ripresa la somministrazione del farmaco dell’azienda anglo svedese. Dal drive trought allestito dalla Difesa al parco Trenno di Milano alla Nuvola di Fuksas a Roma, le prenotazioni sono state dunque rispettate e solo una piccola parte, stando a quanto comunicato dai diversi centri vaccinali, ha rinunciato a presentarsi. Evidentemente più degli allarmi hanno pesato le valutazioni degli esperti, con l’Aifa che ha ribadito come “i benefici del vaccino AstraZeneca superano ampiamente i rischi”.

I quattro giorni di stop hanno fatto saltare circa 200mila somministrazioni in tutta Italia; una cifra che secondo il governo dovrebbe essere recuperata in un paio di settimane, ampliando gli orari per le vaccinazioni. Sono le regioni – alcune delle quali riprenderanno nelle prossime ore o addirittura lunedì – a decidere se inserire chi era prenotato tra il 16 e il 18 marzo tra coloro che sono in lista nelle successive due settimane o se scalare in avanti di quattro giorni tutte le prenotazioni. Quel che è certo è che chi viene riconvocato e non si presenta all’appuntamento, scalerà in fondo alla fila e sarà vaccinato per ultimo. Lo ha ribadito il presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli.

Sciolto il nodo di Astrazeneca, ora il governo punta a far decollare davvero la campagna e a centrare l’obiettivo fissato per aprile, 500mila dosi al giorno, più del doppio di quanto veniva somministrato prima dello stop. “La campagna può ora entrare nel vivo – conferma il direttore della prevenzione del ministero della Salute Giovanni Rezza – anche perché ad aprile un quarto vaccino si renderà disponibile”. Il vaccino è il monodose Johnson & Johnson, che nel secondo trimestre dovrebbe consegnare all’Italia 7, 3 milioni di dosi e che potrebbe essere distribuito nelle farmacie, come ha anticipato l’assessore Alessio D’Amato per il Lazio.

Nelle prossime ore, inoltre, partiranno nella cittadella militare della Cecchignola, a Roma, le vaccinazioni dei fragili per andare a regime da martedì.