Vienna, l’Isis rivendica l’attentato. Kurz: non ci faremo spaventare

epa08793949 Austrian police men search a civilian patrol after a shooting near the 'Stadttempel' synagogue in Vienna, Austria, 02 November 2020. According to recent reports, at least one person is reported to have died and 3 are injured in what officials are treating as a terror attack. EPA/CHRISTIAN BRUNA

L’Isis ha rivendicato l’attentato a Vienna. Lo riferisce la direttrice del Site, Rita Katz. In una dichiarazione sui propri mezzi di propaganda, l’Isis ha affermato che Abu Dujana al-Albani ha effettuato l’attacco con pistole e coltelli come “soldato del califfato”.

Sale il bilancio delle vittime dell’attacco di ieri sera a Vienna con almeno quattro civili morti, oltre all’attentatore ucciso dalla polizia, e almeno 17 feriti, di cui sette in pericolo di vita. Tre le persone arrestate in Austria, due a St. Poelten, a circa un’ora dalla capitale, e una a Linz. Altre due in Svizzera, in quanto collegate con l’attacco, lo ha reso noto la polizia elvetica.

L’Austria si è svegliata scioccata con le scuole chiuse e l’invito a rimanere a casa mentre la comunità ebraica ha deciso la serrata di tutte le sue istituzioni e istituti: gli attentatori, un vero e proprio commando ben addestrato, potrebbe essere di 4 persone, secondo gli inquirenti.

L’Isis ha rivendicato l’attentato a Vienna. Lo riferisce la direttrice del Site, Rita Katz. In una dichiarazione sui propri mezzi di propaganda, l’Isis ha affermato che Abu Dujana al-Albani ha effettuato l’attacco con pistole e coltelli come “soldato del califfato”.

Sale il bilancio delle vittime dell’attacco di ieri sera a Vienna con almeno quattro civili morti, oltre all’attentatore ucciso dalla polizia, e almeno 17 feriti, di cui sette in pericolo di vita. Tre le persone arrestate in Austria, due a St. Poelten, a circa un’ora dalla capitale, e una a Linz. Altre due in Svizzera, in quanto collegate con l’attacco, lo ha reso noto la polizia elvetica.

L’Austria si è svegliata scioccata con le scuole chiuse e l’invito a rimanere a casa mentre la comunità ebraica ha deciso la serrata di tutte le sue istituzioni e istituti: gli attentatori, un vero e proprio commando ben addestrato, potrebbe essere di 4 persone, secondo gli inquirenti.

Iniziano intanto a trapelare le prime notizie sull’attentatore ucciso dalla polizia: all’alba il ministro dell’Interno austriaco, Karl Nehammer, ha rivelato la matrice islamista degli attacchi, sottolineando che l’uomo era un “simpatizzante” dell’Isis. E con il passare delle ore i media hanno dato corpo a questo scenario indicando che l’uomo era un giovane viennese di origini albanesi della Macedonia del Nord. Secondo il responsabile della rivista austriaca Falter, Florian Klenk, si chiamava “Kurtin S.” era “nato nel 2000 a Vienna, dove era cresciuto”. Il giovane, ha aggiunto, era noto ai servizi di sicurezza antiterrorismo (Bvt) per essere stato uno dei 90 islamisti austriaci che hanno cercato di recarsi in Siria. Secondo altri media austriaci poco prima di entrare in azione l’uomo aveva prestato giuramento di fedeltà al nuovo leader dell’Isis Abu Ibrahim al-Hashimi al-Quraishi. Per il momento, però, gli attacchi non sono stati rivendicati mentre la Bild riferisce che avrebbe postato sui social il suo intento ieri. Perquisizioni a tappeto e fermi sono intanto in corso nel Paese alla ricerca degli altri possibili attentatori. E anche la Germania, dopo una decisione analoga presa ieri dalla Repubblica ceca, ha alzato l’allerta controlli alle sue frontiere. Quanto alle vittime civili, per ora è noto solo che si tratta di due uomini e due donne, una delle quali era una cameriera.