Villeggiatura, Marevivo assegna le stelle a strutture plastic free

Dalle quelle Michelin a quelle marine a favore dell'ambiente: l’idea è semplice ma rivoluzionaria nel settore turismo

villeggiatura

Dalle stelle Michelin alle stelle marine. L’idea è semplice ma rivoluzionaria nel settore  turismo e villeggiatura. Le stelle marine saranno una, due o tre in base alla qualità ambientale di una struttura ricettiva. Questi riconoscimenti hanno l’intenzione di certificare l’impegno per la tutela del mare e dell’ambiente in generale di alberghi, lidi balneari, camping, B&B e altri esercizi commerciali legati all’estate.      

Plastic free
L’iniziativa è di Marevivo che ha lanciato la campagna nazionale ”Plastic Free e non solo’” e che quindi ha invitato tutte le strutture turistiche a eliminare la plastica usa e getta, intraprendere misure volte ad un uso più sostenibile delle risorse e attuare comportamenti virtuosi per la salvaguardia dell’ambiente, in particolar modo del mare. L’appello è rivolto alle grandi confederazioni con tutte le loro sigle: hanno già aderito Confcommercio, Federturismo, Federalberghi, Fiba e Sib. 

Tre passaggi
Il percorso prevede l’attivazione di una campagna informativa unitamente all’avvio di azioni concrete che consistono in tre step diversi, ciascuno con più obiettivi da raggiungere. Per ogni risultato ottenuto l’associazione attribuirà una stella marina che testimonia l’impegno ”Plastic free e non solo” della struttura. Un settore, quello del turismo e della villeggiatura, che contribuisce alla crescita economica del Paese, in quanto rappresenta il 13 per cento del Pil. Un network unico e radicato su tutto il territorio italiano che può fare la differenza nella tutela del pianeta. 

Autocertificazione e controlli 
Il primo step (una stella marina) consiste in azioni dalla più facile realizzazione, come ad esempio l’installazione di dispenser per i saponi o l’eliminazione delle cannucce, fino ad arrivare al terzo step (tre stelle marine) che richiede cambiamenti più impegnativi come la dotazione di schermature solari esterne e infissi per ridurre la dispersione di calore e il rumore. La struttura rilascerà un’autocertificazione dei risultati raggiunti e Marevivo si riserverà di effettuare visite per il riscontro dei requisiti.

Cambiamento
«Il coinvolgimento del settore turistico, grande gigante che sostiene il Pil del nostro Paese, può essere quel cambiamento fondamentale di cui abbiamo bisogno per proteggere il Pianeta – afferma la presidente di Marevivo Rosalba Giugni – Se si mettono in moto le aziende, gli operatori e le federazioni assisteremo alla rivoluzione che tanto auspichiamo e che vede al centro degli obiettivi il passaggio all’economia circolare, unico mezzo per arrestare il degrado dilagante del quale siamo tutti testimoni impotenti».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × 2 =