Vitalizi, il Consiglio di Stato dice sì ai tagli ma «razionali e proporzionali»

La Commissione ha escluso profili di possibile responsabilità derivante dall’approvazione della nuova normativa

palazzo madama

Sì, i vitalizi degli ex senatori possono essere tagliati, ma solo attraverso il regolamento del Senato e solo secondo i principi, previsti dalla Corte Costituzionale, di proporzionalità e razionalità. E’ il parere del Consiglio di Stato che si è espresso sul quesito che gli era stato posto da Palazzo Madama.

La Commissione ha escluso profili di possibile responsabilità derivante dall’approvazione della nuova normativa ed ha esposto il quadro giuridico-costituzionale di riferimento da tenere in considerazione.

In particolare – secondo il Consiglio di Stato – è possibile incidere sulle situazioni sostanziali poste dalla normativa precedente – cioè sull’affidamento al mantenimento della condizione giuridica già maturata – quando la nuova disciplina sia razionale e non arbitraria, non pregiudichi in modo irragionevole la situazione oggetto dell’intervento e sussista una causa normativa adeguata e giustificata da una inderogabile esigenza di intervenire o da un interesse pubblico generale, entrambi riguardati alla luce della consistenza giuridica che ha assunto in concreto l’affidamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here