Wellness, in Italia più di 45 mila centri ma 1,7 milioni di giovani sono obesi

Secondo una ricerca di Uecopp, nonostante l'interesse per palestre e centri benessere sia in crescita, 1 adolescente su 5 non fa sport e ha problemi di peso

wellness

Con questo tempo non si può mai stare tranquilli, ma a meno di soprese la bella stagione e il caldo dovrebbero essere finalmente arrivati. E con il bel tempo è anche il momento, per molti italiani, di rimettersi in forma per prepararsi alla prova costume. Un obiettivo che può essere raggiunto nei tanti centri specializzati del nostro Paese. In Italia, infatti, secondo un’analisi di Uecoop, unione europea delle cooperative, elaborata su dati della Camera di commercio di Milano Lodi e Monza Brianza, ci sono più di 45 mila palestre, centri wellness ed estetici. La ricerca è stata diffusa in occasione della fiera Rimini Wellness su benessere, fitness, sport, cultura fisica e sana alimentazione.

I dati dello studio
A guidare la classifica nazionale troviamo le città di Roma, Milano, Torino e Napoli, ma, spiega Uecoop. il settore è in crescita anche sotto forma di servizi offerti da cooperative su più livelli: si va dallo sport dilettantistico alla ginnastica posturale, dalla riabilitazione alla ginnastica tonificante. Roma è al primo posto con 3.347 fra palestre, centri benessere e centri estetici, Milano segue con 2.392, Torino con 1.506 e Napoli con 1.314. Inoltre, se si considerano anche i negozi sportivi e quelli che vendono integratori, due imprese su tre nel settore a livello italiano sono femminili (68%) e una su sei è gestita da giovani.
Una crescita, quella del settore benessere, che porta benefici anche nel comparto lavorativo garantendo ben 161mila posti di lavoro a livello nazionale con Milano a quota 19mila, Roma con più di 12.500 e Monza e Brianza con oltre 10mila addetti.

Obesità per quasi 2 milioni di ragazzi
Tuttavia, nonostante negli ultimi dieci anni l’intero settore sia cresciuto del 16,7 per cento, segno di un’attenzione sempre maggiore verso il benessere e la salute in Italia però, l’Uecoop evidenzia, su dati Istat, come quasi 1 adolescente su 5 (17,9 per cento) non fa sport o qualche altra attività fisica con 1,7 milioni di bambini e ragazzi fra i 6 e i 17 anni che hanno problemi con l’eccesso di peso. Questa situazione riguarda anche l’Europa dove più della metà della popolazione adulta è in sovrappeso. Un trend in crescita che segue quello mondiale, con l’obesità che riguarda 650 milioni di persone, dato triplicato dal 1975 ad oggi. Chi è in sovrappeso o obeso ha rischi maggiori per tumori, malattie cardiovascolari e persino di demenza. Per questo, avverte Uecoop, è necessario incentivare comportamenti salutari, dentro e fuori casa, che vanno da una dieta equilibrata a una maggiore attenzione al movimento quotidiano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here