Zaniolo e l’infortunio: i possibili tempi di recupero

Il numero di infortuni che interessano i legamenti del crociato anteriore sono cresciuti in maniera esponenziale negli ultimi anni. Gli ultimi in ordine di tempo a raggiungere la ribalta nazionale riguardano Merih Demiral e Nicolò Zaniolo (CLICCA QUI).

150 000 casi annui e i tempi di recupero

Sono 150 000 i casi che si verificano annualmente secondo i dati raccolti dalla Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia. Le tecniche di trattamento chirurgico, nell’ultima decade, sono decisamente migliorate e il recupero totale si può ottenere nel giro di sei mesi.

A Roma diciannovesimo caso in sei anni

La Roma, in questo caso, è tra le società ad aver collezionato il maggior numero di infortuni di questa natura. Uno score poco invidiabile verrebbe da dire. Zaniolo è la diciannovesima vittima in sei anni ad accusare la rottura del legamento crociato.

Nel mirino gli Europei, sognando Totti…

Nicolò Zaniolo mette così nel mirino gli Europei di calcio di quest’anno, sulle orme di quanto fatto dall’ex capitano della Roma, Francesco Totti, nel 2006, tra i principali artefici di quella storica vittoria mondiale.

*FOTO TRATTA DALLA PAGINA FACEBOOK AS ROMA